Patente senza fare l’esame: nel 2023 si può | La soluzione che entusiasma gli italiani

Patente, quello che non sai e che potrebbe tornarti utile in ottica 2023. Tanti italiani adottano questa incredibile soluzione.

La patente. Sono davvero poche le persone che non hanno quantomento tentato di prendere il documento per guidare un veicolo a motore. Un mezzo per arrivare a guidare davvero qualsiasi modello, da un’automobile ad una motocicletta, fino ai camion e altri modelli adibiti al lavoro e al trasporto. Del resto, metterci in marcia per girare fra le strade più disparate e particolari in assoluto, è sicuramente una delle cose da fare più importanti e utili in assoluto.

Patente, le ultime notizie sono sorprendenti 18 gennaio 2023 qnm.it
Patente, le ultime notizie sono sorprendenti qnm.it

In special modo in un periodo storico nel quale spostarsi è davvero un’azione diffusissima. Ma tornando al concetto legato alle patenti, c’è un modo per averne una tutta nostra senza fare l’esame.

A 2023 appena iniziato, si può adottare questa soluzione, soprattutto per tutti quei potenziali utenti della strada che hanno un po’ la fobia di prendere parte ad un esame fondamentale per ricevere il documento in questione. Ma qual è la soluzione per riuscire in questa particolare impresa? In questo articolo cercheremo di scoprirlo, data l’importanza dell’argomento del quale forse non tutti sono perfettamente a conoscenza.

Potenziali guidatori, ecco il vostro nemico peggiore

Regole, Codice della Strada, multe, limiti di velocità, cartelli, frecce, simboli vari e chi più ne ha più ne metta. Per cavarsela veramente bene alla guida, ci sono davvero un sacco di elementi che tutti noi dobbiamo conoscere. In primis per passare gli esami della patente, e in futuro per tenerci stretti tutti quegli insegnamenti che l’esperienza può soltanto arricchire. Prendere la patente, prima ancora di finire in strada quindi, però non sempre è così semplice.

Del resto, ne va della nostra sicurezza e quella degli altri. Una doppia, grande responsabilità che va gestita al meglio, con tanta maturità e senso del dovere. Non è detto che chi non passa un esame – teorico o pratico che sia – non rispetti le regole, non conosca il Codice della Strada oppure non abbia idea di come guidare.

A volte qualcosa va storto per la troppa fretta; o peggio, per l’ansia. Proprior quest’ultima è il nostro nemico numero uno. Sarebbe facile consigliare di mantenere la calma durante l’esame di guida e sostenere lo stesso solo quando ci si sente veramente pronti. Ma, ovviamente, così non è. Ognuno ha i suoi ritmi, i suoi tempi e soprattutto ciascuno di noi vive una situazione scomoda diversamente. Anche se, considerando le ultime novità, la questione dovrebbe diventare più semplice per qualche conducente.

Patente, non serve l’esame per questa: incredibile ma vero

Non per tutte le patenti è necessario l’esame. Di recente, tramite la legge 108 del 5 agosto 2022, qualcosa è cambiato in merito. Ci riferiamo alle patenti A e A2. Sono state apportate alcune modifiche a dir poco rilevanti e che certamente cambiano decisamente qualcosa per quanto permane moltissimi motociclisti italiani. Se infatti la patente A è già stata conseguita – il documento che ci permette di guidare i mezzi dotati di 125 cc – è possibile prendere la patente A2 in maniera decisamente più agevolata rispetto al passato.

Patente moto, cosa cambia rispetto al passato 18 gennaio 2023 qnm.it
Patente moto, cosa cambia rispetto al passato qnm.it

Basta intraprendere un corso di formazione teorico presso una qualsivoglia autoscuola. Ciò permette ad ogni potenziale motociclista di evitare la partecipazione al consueto esame pratico e soprattutto di non fare la solita trafila burocratica che appesantisce da sempre le varie motorizzazioni, anche dal punto di vista economico.

Si tratta di una soluzione che ha indubbiamente cambiato quel che era diventato negli anni un sistema certamente abitudinario e al tempo stesso ben radicato all’interno del nostro Paese. Vedremo comunque se tale soluzione darà i suoi frutti a medio-lungo termine. Anche perché ha il chiaro e lampante obiettivo di facilitare il lavoro delle Motorizzazioni. Il che, peraltro, è tutto tranne che scontato.