Segnali di trading: quali sono i migliori secondo gli esperti

Era il 1999 quando l’approvazione del Nuovo Regolamento della Consob ha introdotto il trading online in Italia, regolamentandone i vari aspetti. È stato un punto di svolta importantissimo per il mondo degli investimenti: è passato tanto tempo da allora e l’attività di trading piano piano ha portato i mercati finanziari alla portata di tutti. I miglioramenti delle piattaforme sia a livello di intuitività dell’interfaccia che a livello di strumenti per il trader sono stati decisivi.

Tra questi strumenti i segnali di trading sono sicuramente tra i più apprezzati ed utilizzati. Non tutti hanno il tempo (o le competenze) di monitorare i mercati di continuo per effettuare le analisi necessarie per prendere le decisioni sulle operazioni da effettuare: sfruttando le indicazioni dei segnali di trading questo non è più un handicap. A patto di riuscire ad individuare i servizi migliori tra quelli disponibili oggi sul mercato.

Come funzionano i segnali di trading

Partiamo dalla definizione: i segnali di trading sono delle indicazioni che un fornitore del servizio invia all’utente in merito alle opportunità che si presentano sui mercati finanziari. Sono quindi tre gli elementi coinvolti in questo servizio: c’è chi fornisce le indicazioni, ovvero il provider, c’è il mezzo attraverso questi segnali vengono trasmessi (email, sms, notifica su applicazione, integrazione sulla piattaforma di trading) e il trader, ovvero l’utente finale.

Al giorno d’oggi i provider che offrono questo servizio sono davvero molti: alcuni lo fanno a pagamento ed altri gratis. Per riuscire ad orientarsi tra le varie opzioni disponibili guardare ai migliori segnali di trading scelti da tradingonline.net, il portale che con le sue guide, i suoi approfondimenti e le sue recensioni aiuta i traders a muoversi con consapevolezza e in autonomia sui mercati finanziari.

Segnali di trading gratuiti: i migliori provider

Il trading online è un’attività che presenta un alto livello di rischio, ma anche un’elevata potenzialità di profitto. Per muoversi al meglio in questo settore così complesso è importante scegliere con attenzione gli strumenti da utilizzare. Per quanto riguarda i segnali di trading, ci sono diverse opzioni sia gratuite che a pagamento. Tra i servizi gratuiti spiccano quelli offerti da alcuni dei più importanti broker regolamentati attivi in Italia.

Capital.com sfrutta la sua intelligenza artificiale per fornire ai suoi iscritti delle indicazioni e dei suggerimenti personalizzati, quindi basati sulle preferenze e sul modo di operare del singolo trader. Trade.com è un intermediario molto apprezzato che permette ai suoi iscritti di ricevere gratuitamente i segnali elaborati da Trading Central, società francese specializzata proprio in questa attività. E poi c’è il Copy Trading di eToro: tecnicamente non siamo più nel campo dei segnali di trading, ma si tratta di una funzionalità che permette di replicare in automatico le mosse degli operatori esperti che l’utente decide di seguire.

Le migliori soluzioni a pagamento

Come detto, ci sono anche segnali di trading a pagamento. Quando c’è da spendere dei soldi bisogna stare molto più attenti, perché non è raro vedere pseudo esperti (se non addirittura dei truffatori) proporre servizi di questo tipo. Per evitare brutte sorprese è meglio affidarsi solo a provider affidabili, come quelli inseriti da tradingonline.net nella sua lista. MetaTrader è una delle piattaforme più complete ed anche una delle più utilizzate.

All’interno di MetaTrader c’è anche un vero e proprio mercato in cui i membri della community possono offrire i loro servizi: alcuni lo fanno gratuitamente, come il broker FP Markets, mentre altri prevedono il pagamento di un abbonamento. Tra i provider a pagamento più apprezzati figura certamente Seeking Alpha, che propone vari abbonamenti. Un’altra opzione molto gradita è rappresentata dal servizio Signal di Investing.com.