Il dentifricio al carbone attivo sbianca davvero i denti? Occhio a come lo usi per non rovinare il tuo sorriso

Vuoi avere denti bianchissimi e un sorriso smagliante tutti i giorni? Il dentifricio al carbone attivo caratterizzato dal tipico colore nero è la soluzione giusta per te, ma fai attenzione!

Il sorriso è attraente quando trasmette armonia, cioè quando tutti gli elementi che lo compongono sono nelle corrette proporzioni e simmetrie. Ma non solo. Il sorriso è bello quando è naturale, ma soprattutto quando è splendente e luminoso. In tutti questi casi, infatti, trasmette sempre felicità e gioia di vivere. Eppure, bisogna avere cura estrema dei propri denti.

Il dentifricio al carbone attivo fa bene?
Il dentifricio al carbone attivo fa bene? – QNM

Ci son tanti modi per prendersene cura, partendo dalle metodiche visite dal dentista di fiducia e poi mettendo in pratica un’attenta e meticolosa cura dei denti. Sicuramente tra le buone abitudini per un sorriso sano, il dentifricio al carbone attivo per molti è una soluzione rapida e non molto dispendiosa per togliere le macchie superficiali dai denti e farli risplendere, ritrovando così il loro colore naturale.

Si tratta di un prodotto un po’ abrasivo dalla grande capacità assorbente che permette di eliminare pigmenti superficiali dai denti. Motivo per cui, con questo dentifricio non si possono eliminare le macchie più profonde ed ostinate che invece vanno trattate con rimedi e metodi, come ad esempio lo sbiancamento dentale, eseguiti da specialisti e professionisti nel settore.

È importante però fare una piccola premessa rispetto ai denti. Non sono naturalmente bianchi, il loro colore infatti è collegato geneticamente al colore della pelle, degli occhi e dei capelli di ogni singolo individuo. E poi bisogna considerare la natura delle macchie che compaiono sui denti. Se si presentano tendenti al grigio oppure al bianco gesso, non devono essere trattate come un ordinario problema di natura estetica, ma segnalano invece la presenza di carie o danni allo smalto. In queste circostanze particolari, quindi, è assolutamente necessario rivolgersi ad un dentista per risolvere il problema.

Ma il dentifricio al carbone attivo è davvero efficace per sbiancare i denti?

Il dentifricio nero al carbone attivo rappresenta certamente un prodotto sicuro per garantire al nostro sorriso la giusta brillantezza. Tuttavia, l’uso costante o esagerato è sconsigliato, proprio perché potrebbe compromettere lo smalto dei denti. Quindi trattandosi di un prodotto sbiancante ma abrasivo, meglio non affidarsi totalmente a questo dentifricio per lavarsi i denti. Per ottenere risultati soddisfacenti, infatti, basta semplicemente lavarsi i denti come sempre, alternando eventualmente i lavaggi tra dentifricio al carbone attivo e quello tradizionale.

Dentifricio al carbone attivo pro e contro
Dentifricio al carbone attivo pro e contro – QNM

Per limitare l’uso del dentifricio al carbone attivo, però, potresti optare per un altro metodo sbiancante. Stiamo parlando del bicarbonato con il limone che assicura anche denti più che puliti. Il limone, infatti, è un forte schiarente naturale, perfetto per ridurre il tartaro e avere un alito gradevole e fresco. Basta mescolare il succo di mezzo limone con un cucchiaio di bicarbonato di sodio e poi lavare i denti con questa miscela esplosiva.

E i risultati non si faranno di certo attendere! Le macchie gialle, infatti, scompariranno presto dallo smalto dei denti. Anche in questo caso però, metti in conto che il limone è abrasivo, quindi non abusarne, meglio ricorrere a questo rimedio non più di due volte a settimana.