Filtri per compressori: caratteristiche e modelli più richiesti

da , il

    Filtri per compressori: caratteristiche e modelli più richiesti

    Sul mercato sono disponibili diverse tipologie di compressori: ci sono quelli studiati per andare incontro alle esigenze degli hobbisti, quelli creati per i professionisti e quelli specifici per un utilizzo a livello industriale.

    Si tratta di strumenti complessi, in cui la qualità delle varie componenti gioca un ruolo fondamentale. Un’attenzione particolare va data ai filtri per compressori, che rivestono un’enorme importanza per il trattamento dell’aria compressa.

    L’importanza di montare filtri di qualità

    Per avere la certezza di trovare componenti di qualità bisogna rivolgersi a fornitori affidabili. Tra questi rientra di sicuro Casa del Filtro, che da più di quaranta anni si occupa di elementi filtranti e batterie: qui puoi trovare un filtro aria per compressore tra i migliori presenti sul mercato, poiché realizzato con materiali di prima qualità che garantiscono elevate prestazioni.

    La grande esperienza, abbinata alla competenza e alla professionalità dei suoi addetti, permette a questa ditta bresciana di andare incontro ad ogni tipo di esigenza relativa ad energia e filtrazione. Il cliente viene seguito con attenzione in ogni fase dell’acquisto, dalla scelta del prodotto all’assistenza post vendita.

    Nell’ampio catalogo di Casa del Filtro sono presenti anche i filtri per compressori rotativi a palette ed a vite. La manutenzione di un compressore, soprattutto per quanto riguarda quelli industriali, non può prescindere dal controllo dei filtri e dalla loro eventuale sostituzione.

    Le tipologie di compressori

    Il compressore rotativo a palette è composto da uno statore cilindrico con le due apertura di aspirazione e di scarico. All’interno è presente un rotore, sulle cui scanalature scorrono delle palette. Il rotore è installato in modo disassato.

    Quando ruota, lo spazio che l’aria ha a disposizione tra le palette va progressivamente a ridursi: la variazione di volume e il conseguente innalzamento della pressione porta alla compressione dell’aria.

    Il compressore rotativo a vite invece è composto da due rotori elicoidali che si muovono in modo sincronizzato, scoprendo lo spazio di aspirazione.

    L’aria così può entrare, ma viene separata e spinta contro la parete della cassa dal movimento dei rotori. I profili dei rotori, incastrandosi tra di loro, riducono il volume, ed in questo modo avviene la compressione dell’aria, che viene spinta verso la luce di scarico.

    Caratteristiche e funzioni dei filtri per compressori

    Tra le componenti più importanti e delicate d queste due tipologie di compressore ci sono ovviamente i filtri. Presso Casa del Filtro sono disponibili diversi articoli di qualità; i prodotti della gamma vengono suddivisi in tre categorie: separatori aria olio, filtri dell’aria e filtri dell’olio.

    Durante il processo di compressione, l’olio va a miscelarsi con l’aria. Il separatore aria olio serve a dividere i due elementi: l’olio viene quindi raccolto sul fondo, per poi essere reimmesso nel circuito per l’utilizzo successivo, mentre l’aria può proseguire il suo percorso.

    L’olio che viene separato dall’aria compressa deve essere ripulito dalle impurità prima di venire reintrodotto nel circuito. Solo in questo modo ci può essere una corretta lubrificazione e l’olio può svolgere la sua funzione di raffreddamento dei vari componenti del compressore.

    Il filtro dell’olio ha proprio la funzione di ripulire il lubrificante prima che venga reimmesso nel circuito. Questi filtri sono avvitabili e la loro conformazione può variare a seconda della destinazione d’uso; ci sono i modelli con valvola antispurgo e quelli senza.

    I filtri dell’aria hanno la funzione di ripulire l’aria di ingresso, trattenendo impurità, polvere ed umidità che possono andare ad influire sul corretto funzionamento del compressore. Solitamente questi filtri vengono realizzati in carta, ma possono essere utilizzati altri materiali filtranti. Esistono anche i filtri a più strati da utilizzare negli ambienti in cui l’aria di ingresso è particolarmente contaminata.