Hackerati i siti del governo. Nel mirino il ministero del Made in Italy. L’intervento della Cybersicurezza

Sono stati hackerati diversi siti del governo. Bersaglio dei criminali informatici il ministero delle Imprese e del Made in Italy. A lavoro l’Agenzia di Cybersicurezza

Un attacco hacker, non il primo negli ultimi periodi al governo, è avvenuto poche ore fa. A cadere nel mirino dei criminali informatici sono i siti dei ministeri. In modo particolare il ministero delle Imprese e del Made in Italy che rende noto quanto successo con una nota specifica.

hackerati
Hackerati siti del governo, sotto il mirino dei criminali informatici il ministero del Made in Italy (ansa) qnm.it

“A seguito di un intenso attacco cibernetico che sta interessando il dicastero ed altri domini nazionali, risultano indisponibili il portale istituzionale e gli applicativi ad esso collegate”. Secondo una prima indagine, non risulterebbero furti di dati sensibili.

Governo sotto attacco: hackerati i siti dei ministeri

Secondo i tecnici al lavoro, da una prima verifica non risultano compromissioni dall’hackeraggio del sito del ministero delle Imprese e del Made in Italy. Gli informatici ora sono impegnati per mitigare le conseguenze dell’attacco hacker di questa mattina.

hhackerati
hackerati siti del governo. Nel mirino dei criminali il ministero del Made in Italy (ansa) qnm.it

Anche se il lavoro dei tecnici procede serratamente, non risulta possibile prevedere i tempi per la ripresa del servizio. Il ministero del Made in Italy, inoltre, informa, come riporta anche Repubblica, di “essere in stretto contatto da stamattina con l’Agenzia per la Cybersicurezza, per ridurre il più possibile i disagi”.

Dopo l’attacco hacker di ieri al sito del Viminale, oggi i criminali informatici bersagliano il sito del governo. Negli ultimi periodi, nel mirino degli hacker il governo italiano.

L’attacco alla carta di identità elettronica del ministero dell’Interno

Solo ieri è arrivata la notizia di un’altro attacco hacker rivendicato dal collettivo di hacker legati alla Russia NoName057 che sul suo canale Telegram ha pubblicato il risultato di un altro dei suoi attacchi Ddos.

Il bersaglio dei criminali informatici ieri è stato il sito del Ministero dell’Interno dedicato alla carta di identità elettronica. Per molte ore sul portale campeggiava la scritta: “è impossibile raggiungere il sito”. Gli hacker di NoName colpiscono usando ciclicamente la stessa strategia: ovvero con attacchi Ddos ai siti che ritengono importanti per il Paese.

Le motivazioni degli attacchi da parte degli hacker, come riporta fanpage, sono sempre le tesse e sono state pubblicate sul gruppo Telegram dei NoName: “L’Italia è pronta a fornire supporto all’Ucraina, ma attende passi decisivi dagli alleati. Nessuna indipendenza. Fortunatamente, il nostro team può prendere decisioni da solo, siamo andati nel segmento russofobo italiano di Internet e abbiamo chiuso un sito web dedicato alle carte d’identità elettroniche”.