Emergenza posta elettronica: bufera per gli italiani, ecco la soluzione

E’ una vera e propria emergenza quella che sta accadendo in questi giorni per la posta elettronica di milioni di Italiani, ma una soluzione in caso di blocchi del genere è possibile. Vediamo come fare. 

Vengono rinominati “down”, i momenti in cui un servizio informatico soffre di un blocco e non è più utilizzabile. Ed è proprio quello che è accaduto la scorsa domenica alle caselle di posta elettronica di milioni di utenti.

allerta mail
Allerta mail – Qnm.it

Nell’epoca del web, dove tutti usiamo internet sia per lavoro che per svago, sono moltissimi i servizi e i dispositivi che utilizziamo ogni giorno e dai quali, ahimè, dipendono tantissime nostre attività.

Mail irraggiungibili, il caso di Libero

E’ un’abitudine per moltissimi di noi, quella di utilizzare servizi come la posta elettronica, sui quali custodiamo tanti documenti ed informazioni (contatti in primis) di cui abbiamo bisogno quotidianamente per le nostre attività. E se un giorno ci alziamo e non abbiamo più accesso alla nostra casella mail?

Purtroppo è ciò che è accaduto a 9 milioni di Italiani la scorsa domenica, quando il loro account di posta elettronica su Libero Mail e Virgilio Mail è risultato inaccessibile. “Siamo consapevoli del disagio procurato e del disservizio. Stiamo lavorando incessantemente da ormai diverse ore per risolvere un problema infrastrutturale inaspettato e imprevisto”, sono le parole iniziali del messaggio che appare a chiunque provi da 3 giorni ad accedere al proprio account di posta.

Libero comunicazione
La comunicazione di Libero agli utenti (qnm.it)

Le parole sono dello Staff di Libero, che spiega che in 25 anni di servizio non era mai successo di restare off-line per un tempo così lungo. In effetti, il down di Libero è davvero da record, e il dato di fatto è che milioni di persone non hanno più accesso alla propria casella di posta elettronica, con tutti i disagi del caso. Ma come si può risolvere un problema così delicato e grande?

Cosa fare in questi casi?

L’emergenza accaduta a Italia Online (la società proprietaria di Libero e Virgilio mail, ndr), ci ricorda quello che è già accaduto diverse volte anche sulle piattaforma dei social network, i famosi Facebook down, Instagram down, ecc. Quando i social non sono raggiungibili, in rete si scatena un vero e proprio putiferio, con commenti a volte anche di preoccupazione. Questo fa capire quanto siamo dipendenti dal web, e dai nostri canali social e mail. Ma sicuramente possiamo cercare di prevenire il più possibile questi problemi.

social
Social – Qnm.it

Pensiamo anche a quando il cellulare non funziona più. Come ritroviamo i contatti? Molti stanno riprendendo in mano addirittura l’agendina cartacea, dove si annotano i numeri, ma ricordiamoci che se sincronizzi i tuoi contatti con un account Google, puoi esportarli sul computer in caso ne avessi bisogno e non fossero accessibili dal telefonino.

La prima soluzione, quindi, è quella di avere sempre un account Gmail, che è comodo, sicuro e molto utile in caso di problemi del genere. Per quanto riguarda le mail, quindi, il consiglio è sempre quello di avere due caselle di posta elettronica, con due diversi gestori. Visto che questi down possono accadere, è bene prendere subito organizzarsi, anche ad esempio con dei file excel, utilissimi per organizzare ad esempio una rubrica con indirizzi e informazioni anche in ordine alfabetico. Qualunque sia il metodo più utile per voi, il down di Libero ci ricorda che avere dei contatti su un solo dispositivo o servizio, ad oggi è un rischio al quale rischiamo di esporci.