Parkinson giovanile: 10 sintomi da non sottovalutare

[multipage]

Il Parkinson giovanile si manifesta con alcuni sintomi da non sottovalutare. Questa malattia, infatti, non è esclusiva dell’età adulta. Ci sono molti segnali che dovrebbero essere valutati con attenzione anche da giovani. La malattia è simile, dal punto di vista clinico, a quella con esordio senile, ma esistono alcune caratteristiche che contraddistinguono i casi di un esordio di morbo di Parkinson giovanile. In queste situazioni, infatti, solitamente il decorso della malattia tende ad essere più lento e si verificano prima le complicanze dal punto di vista motorio. Inoltre, sono maggiormente frequenti i disturbi psichiatrici come ansia e depressione e non si verificano spesso le cadute, che sono tipiche di una malattia in uno stadio avanzato. [/multipage]

[multipage]

1. Distonia

Nel Parkinson giovanile, fra i primi sintomi abbiamo la distonia, ovvero un disturbo del movimento contraddistinto da alcune contrazioni involontarie dei muscoli, che causano l’assunzione di posture anomale. La malattia di Parkinson, in particolare, ha tra i segni tipici la distonia del piede: spesso le dita dei piedi subiscono una flessione eccessiva. La distonia potrebbe essere il primo segnale della presenza di questa malattia nei giovani, in associazione alla bradicinesia, la lentezza nei movimenti.[/multipage]

[multipage]

2. Tremore

Uno dei segnali tipici del Parkinson giovanile è costituito dal tremore a riposo. Spesso i pazienti parlano anche di una sensazione di tremore interno, che non viene notato effettuando un esame clinico. Inizialmente il tremore è localizzato alla mano, anche se con minore frequenza potrebbe interessare gli arti inferiori. Questo sintomo scompare quando si effettuano dei movimenti volontari e durante il sonno. Il tremore è da considerarsi come uno dei più ovvi campanelli d’allarme che consentono una diagnosi del Parkinson giovanile precoce. [/multipage]

[multipage]

3. Rigidità

Nel morbo di Parkinson giovanile i sintomi da non sottovalutare sono diversi, fra i quali spicca anche la rigidità, che può verificarsi sia nei muscoli della spalla o dell’anca, che al polso e alle caviglie. Si tratta di un vero e proprio aumento del tono muscolare, con una resistenza durante il movimento delle articolazioni. [/multipage]

[multipage]

4. Dolore

Il Parkinson nei giovani si può manifestare anche con una sensazione di dolore, che può essere associato a movimenti distonici oppure può comprendere crampi, irrigidimento, dolore articolare, come quello al polso. Il dolore è presente in tutti gli stadi dell’evoluzione del Parkinson giovanile e la metà dei pazienti riferisce di un sintomo moderato o grave.[/multipage]

[multipage]

5. Disturbi dell’olfatto

Anche i disturbi dell’olfatto costituiscono uno dei sintomi del morbo di Parkinson giovanile. Spesso questi disturbi precedono la comparsa dei sintomi motori. La presenza di queste avvisaglie può indicare un processo degenerativo che ha colpito i neuroni del bulbo olfattivo. Per questo motivo si tratta di un sintomo importante per una diagnosi precoce della patologia, così da aumentare le aspettative di vita dei soggetti affetti da Parkinson giovanile. [/multipage]

[multipage]

6. Disturbi della sudorazione

Nel 30-55% dei pazienti con il morbo Parkinson giovanile si riscontra spesso anche un disturbo della sudorazione. Si può trattare di iperidrosi, ovvero un eccesso di sudorazione, o di ipoidrosi, cioè una riduzione anomala del fenomeno. I soggetti con ipoidrosi possono avvertire una sensazione di caldo in ambienti in cui i soggetti senza la malattia di Parkinson sentono una temperatura normale. [/multipage]

[multipage]

7. Disturbi del sonno

Interessano la maggior parte dei pazienti con il morbo di Parkinson giovanile i sintomi legati ai disturbi del sonno. Le alterazioni del sonno possono presentarsi inizialmente prima della diagnosi della malattia oppure possono manifestarsi durante il decorso della patologia. Si possono avere una sonnolenza diurna, una riduzione del sonno notturno o disturbi che si manifestano durante il sonno, come la sindrome delle gambe senza riposo. [/multipage]

[multipage]

8. Ansia e depressione

I principali problemi non motori legati a questa patologia sono l’ansia e la depressione: si tratta di sintomi del Parkinson giovanile comuni, però, a tutte le età. L’ansia è caratterizzata da una sensazione di paura che insorge in assenza di un reale pericolo. La depressione si manifesta, invece, con indifferenza, apatia, tristezza, disperazione e senso di colpa.[/multipage]

[multipage]

9. Disturbi di equilibrio

Fra i sintomi del Parkinson nei giovani ci sono altresì i disturbi legati all’equilibrio. Il soggetto non è in grado di avere un equilibrio stabile, con conseguente instabilità di posizione e potenziali cadute accidentali. [/multipage]

[multipage]

10. Bradicinesia

La bradicinesia è un vero e proprio campanello d’allarme circa il Parkinson giovanile: è, difatti, un sintomo iniziale di questa patologia. Si tratta di un disturbo neurologico dove il soggetto ha problemi ad iniziare un qualunque movimento fisico, anche il più blando e, quando ci riesce, lo stesso risulterà rallentato. [/multipage]