I 10 migliori consigli per avere dei pettorali scolpiti

[multipage]

Quali sono i consigli migliori per avere pettorali scolpiti da sfoggiare durante l’estate in spiaggia e da far risaltare sotto magliette e camicie per dimostrare quanto si è lavorato in palestra? Ci sono delle buone e delle cattive abitudini da imparare e dimenticare rispettivamente, le abbiamo raccolte nelle prossime pagine per regalare la possiblità di fare colpo prendendo la vita… di petto.

[/multipage]

[multipage]

1) Sovrallenamento

Allenarsi tutti i giorni non significa che sia una mossa ideale perché è meglio lavorare di qualità invece che di quantità. Dunque, meglio prediligere una sessione settimanale ben fatta rispetto che due o tre senza vedere alcun risultato.

[/multipage]
[multipage]

2) Non dimenticare la panca piana

Spesso si dimentica quali siano le basi e in questo caso i fondamentali sono le distensioni con bilancere su panca piana, l’esercizio più classico e efficiente. Il suggerimento è sempre quello di inserire un po’ di panca in un ciclo di forza completo settimanale.

[/multipage]
[multipage]

3) Evitare le macchine

Esistono tante macchine da palestra dedicate ai pettorali, ma ci prendiamo la responsabilità di affermare che siano sì efficaci, ma meno che gli esercizi con i cari e vecchi pesi come manubri e bilancere, che garantiscono i risultati più evidenti.

[/multipage]
[multipage]

4) Ciclo ibrido

Bisogna sempre alternare esercizi di forza e tanti esercizi pump di isolamento in un ciclo ibrido costante che non abitua troppo i muscoli e li rende più reattivi.

[/multipage]
[multipage]

5) Le parallele

Le care e vecchie parallele, sempre che ci siano in palestra, sono in un angolo dimenticate, quando al contrario potrebbero fornire un validissimo apporto soprattutto per un esercizio completo.

[/multipage]
[multipage]

6) La panca inclinata

Per allenare una delle parti più difficili qual è quella clavicolare, suggeriamo la panca inclinata che va ad allenare questa porzione di muscolo così limitata. Meglio non esagerare coi pesi, ma scegligere il manubrio adatto.

[/multipage]
[multipage]

7) Quanto peso?

L’errore è metterne troppo, col rischio che poi ci si faccia male, mentre al contrario è meglio sentire che ci si stia sforzando senza ogni volta quasi morire sulla panca. Anche il volume è fondamentale, perché più gli esercizi sono variegati più sono efficaci.

[/multipage]
[multipage]

8) La sequenza

Soprattutto all’inizio, meglio iniziare con tre serie di croci così da richiamare più sangue nella zona e poi proseguire con le distensioni su panca, le parallele, le croci ai cavi e così via.

[/multipage]
[multipage]

9) POF

È un metodo molto intuitivo e utile per ordinare gli esercizi sulla scheda ottimizzando i tempi e badando assai al glicogeno muscolare che si deve sfruttare nella giusta misura.

[/multipage]
[multipage]

10) Tecnica

Meglio istruirsi al meglio prima di buttarsi sugli attrezzi perché solo con la giusta tecnica si otterranno i risultati. Dunque, dare tempo al tempo è la cosa migliore.

[/multipage]