Braccialetti fitness 2018: i migliori smartband per monitorare l’attività fisica

Quali sono i migliori braccialetti fitness 2018 ossia gli smartband che si possono trovare in commercio in questi mesi? Abbiamo portato a termine una selezione dei modelli più interessanti a livello di hardware e/o per quanto riguarda il rapporto tra qualità e prezzo. Li trovate dopo la continuazione, per iniziare a mettervi a dieta e al lavoro per presentarvi in forma perfetta alla prova costume quest’estate.

Che cosa sono le smartband? Come da nome, sono braccialetti per il fitness che vanno a sfruttare i componenti interni per le più svariate funzionalità che possono essere il calcolo dei passi completati e a che ritmo, le calorie bruciate durante lo sforzo, il battito cardiaco per misurare in modo analitico la performance e tanti altri dettagli che cambiano a seconda del modello che si è scelto. Ecco i migliori, ognuno con immagine, scheda tecnica e prezzo.

Xiaomi Mi Band 1S

Costa meno di 15 euro online Xiaomi Mi Band 1S, che del nostro lotto è quella più economica seppur possa offrire funzionalità complete di base. Sottile e leggera è dotata però di un componente del quale sono sprovvisti molti esemplari ben più costosi e prestigiosi. Qui invece c’è e c’è pure un piccolo schermo di servizio. Il rilevamento è solo dietro richiesta e i LED si possono settare per le notifiche, naturalmente non visualizzabili sul dispositivo stesso. L’autonomia è ottima, oltre un mese, e funziona molto bene per il monitoraggio del sonno.

MOOV NOW

MOOV NOW è un braccialetto fitness molto originale e quasi unico nel design grazie a una struttura che non lo fa certo passare inosservato. A bordo c’è una soluzione software molto utile qual è il coach virtuale per allenarsi con più efficienza mentre la batteria è strepitosa, visto che dura oltre sei mesi. Il pulsante sulla scocca permette la sincronizzazione rapida.

Fitbit Charge HR

Un vero best-seller dal prezzo contenuto questo Fitbit Charge HR che può contare su uno dei rilevatori di battito cardiaco più precisi e puntuali e si avvale anche di un display dalle dimensioni e funzioni superiori alla norma. Ruotando il polso viene captato il movimento e viene visualizzata l’ora salvando anche la batteria.

Huawei Band 2 Pro

Huawei Band 2 Pro ha il grande vantaggio di offrire la presenza del GPS per rilevare gli spostamenti e tutti i dati correlati come accelerazioni, altimetria, medie e picchi. Anche qui c’è il sensore di battito cardiaco. Lo schermo non è touch, ma può mostrare notifiche molto più espanse di quelle dei rivali.

Garmin Vivosmart HR+

Il GPS è integrato anche nell’ottimo Vivosmart HR+ che d’altra parte è pur sempre prodotto da Garmin, che è uno dei leader nel settore con Tom Tom. All’interno c’è anche un ottimo scanner per le pulsazioni del battito cardiaco. Certo, il prezzo è superiore alla media dei rivali, ma è tra i più completi e prestanti.

Samsung Gear Fit 2

Chiudendo il cerchio proponiamo il modello che troviamo nella copertina ossia Samsung Gear Fit 2 che strizza l’occhio al design con il suo eccellente schermo curvo di tipo AMOLED. Anche qui non mancano GPS, Wi-Fi e piena compatibilità con praticamente tutti gli smartphone Android recenti.