Super Bowl 2014, Seattle Seahawks-Denver Broncos 43-8: Wilson e Smith annullano Manning

Super Bowl 2014, Seattle Seahawks-Denver Broncos 43-8: Wilson e Smith annullano Manning
da in Sport
    Super Bowl 2014, Seattle Seahawks-Denver Broncos 43-8: Wilson e Smith annullano Manning

    Una vera e propria disfatta per gli uomini guidati da Peyton Manning: il Super Bowl 2014 sarà ricordato come uno dei meno combattuti di sempre. Seattle-Seahawks-Denver Broncos finisce con il risultato di 43-8. Malcom Smith è l’Mvp della finale, coadiuvato da un Russel Wilson semplicemente perfetto in cabina di regia. La squadra senza esperienza (nessun giocatore aveva mai giocato una finale in carriere) mette alle corde sin da subito i più quotati avversari e dopo 12 secondi (record Nfl) mettono la testa avanti dopo una topica di Manny Ramirez. Il rullo compressore di Seattle non si ferma più e chiude il primo quarto sull’8 a 0. Non cambia la musica nel secondo e all’intervallo si va a vedere lo show sull’incredibile risultato di 22-0. I primi punti di Denver arrivano addirittura in chiusura di terzo periodo quando il risultato è già sul 36-0: l’obiettivo è evitare di rievocare i fantasmi del 1991 quando i 49′ers fecero segnare lo scarto più grande nella storia del Super Bowl con un 55-10 proprio ai danni dei Broncos. Finisce i gloria con Seattle che torna a festeggiare un titolo Pro’ dopo più di 30 anni e il coach Pete Carroll ad alzare il Vince Lombardi a 62 anni.

    Lo show degli show

    Il Super Bowl non si può archiviare solo ed esclusivamente sotto la categoria sport. E’ lo show tv con l’audience più alto d’america. Quest’anno ad allietare l’Half Time Show è stata la joint venture tra Bruno Mars e i Red Hot Chili Peppers, ma grande curiosità era riservata anche per gli spot televisivi dal costo che si aggira intorno ai 4 milioni di dollari. In uno era previsto il primo ascolto del nuovo singolo degli U2, Invisible.

    Attesa anche per il ritorno di Britney Spears come testimonial Pepsi e per la consueta battaglia fra le case automobilistiche per accaparrarsi i 30 secondi di spot per poter presentare le proprie nuove uscite. Particolarmente divertente la pubblicità della Bud Light con un insolito Arnold Schwarzenegger, nelle vesti di giocatore di ping pong.

    378

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Sport
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI