SBK Magny-Cours 2011: Checa campione del mondo da record

da , il

    SBK Magny-Cours 2011: Checa campione del mondo da record

    A Carlos Checa bastavano 3 punti per portarsi a casa il titolo Mondiale della SBK: a Magny-Cours però lo spagnolo ha voluto mettere la firma d’autore a questo titolo andando a vincere sia gara 1 che gara 2. In gara 1 il pilota spagnolo della Ducati ha preceduto Marco Melandri e Leon Haslam, in gara 2 è arrivato davanti Melandri e Laverty, entrambi su Yamaha.

    - Checa-Ducati: binomio da record

    - Checa, 13 vittorie: il 39enne pilota Ducati è nella storia: è il primo spagnolo a riuscire nell’impresa di diventare campione del mondo in Superbike ed ha contribuito a regalare il titolo costruttori alla Ducati. Ben 467 punti in campionato conquistati con un GP ancora da disputare (quello del Portogallo) frutto di 13 vittorie e ben 20 podi ottenuti durante la stagione.

    - Ducati: 17esimo titolo costruttori: ennesimo titolo costruttori per la Ducati, il diciassettesimo iride conquistato dalla casa motociclistica di Borgo Panigale dal 1988, anno di inizio del Campionato Mondiale Superbike.

    Per far capire meglio il dominio Ducati in Superbike, ecco l’elenco dei titoli vinti:

    - I titoli piloti

    2011 Carlos Checa Ducati

    2008 Troy Bayliss Ducati

    2006 Troy Bayliss Ducati

    2004 James Toseland Ducati

    2003 Neil Hodgson Ducati

    2001 Troy Bayliss Ducati

    1999 Carl Fogarty Ducati

    1998 Carl Fogarty Ducati

    1996 Troy Corser Ducati

    1995 Carl Fogarty Ducati

    1994 Carl Fogarty Ducati

    1992 Doug Polen Ducati

    1991 Doug Polen Ducati

    1990 Raymond Roche Ducati

    - I titoli costruttori

    2011 Ducati 1198

    2009 Ducati 1098

    2008 Ducati 1098

    2006 Ducati 999

    2004 Ducati 999

    2003 Ducati 999

    2002 Ducati 998

    2001 Ducati 996

    2000 Ducati 996

    1999 Ducati 996

    1998 Ducati 996

    1996 Ducati 916

    1995 Ducati 916

    1994 Ducati 916

    1993 Ducati 888

    1992 Ducati 888

    1991 Ducati 888

    Che altro aggiungere? Forse continuare a investire anche in SBK non sarebbe una cattiva idea visto i risultati nella moto GP…

    - Checa: felice per me e per la squadra

    “Sono estremamente felice di aver vinto il mio primo titolo mondiale SBK e altrettanto felice di averlo fatto in sella ad una Ducati. Voglio ringraziare di cuore tutto il Team Althea Racing e quanti, in Ducati, hanno lavorato duramente per garantire questo risultato dandomi fiducia. Insieme abbiamo fatto un gran lavoro in questa stagione. Questa, è partita subito con il piede giusto, malgrado il confronto fosse con piloti sempre veloci e con moto sempre più competitive”.

    - Biaggi: altra assenza dalle gare

    L’infortunio al quinto metatarso del piede sinistro non ha permesso al romano di gareggiare neanche in Francia: “Già lo sapevamo, purtroppo il piede sinistro è quello del cambio ed io non sono in grado di scalare le marce od inserirle. Fosse stato il destro, quello del freno, avrei avuto meno problemi, purtroppo si tratta di una brutta frattura e non posso far altro che aspettare. Sono molto dispiaciuto perché, come ad Imola, avrei voluto essere in pista. Per la gara in Italia ci ho provato per ben due giorni, facendomi realizzare anche uno stivale speciale, ma è stato inutile perché non ero in grado di guidare”. Di certo un’assenza quella del Corsaro che ha agevolato il percorso vincente di Checa per conquistare il titolo.

    - Ordine d’arrivo gara 1:

    01- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – 22 giri in 38’16.465

    02- Marco Melandri – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 2.201

    03- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 3.218

    04- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 3.796

    05- Eugene Laverty – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 5.602

    06- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 9.634

    07- Noriyuki Haga – Pata Racing Team Aprilia – Aprilia RSV4 Factory – + 9.814

    08- Joan Lascorz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 11.387

    09- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 17.143

    10- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 24.523

    11- Javier Fores – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 34.532

    12- Michel Fabrizio – Team Suzuki Alstare – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’19.742

    13- Roberto Rolfo – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – a 1 giro

    - Ordine d’arrivo gara 2:

    01- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – 23 giri in 38’17.851

    02- Marco Melandri – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 1.267

    03- Eugene Laverty – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 2.043

    04- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 6.506

    05- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 7.843

    06- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 8.360

    07- Joan Lascorz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 15.285

    08- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 15.549

    09- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 16.278

    10- Noriyuki Haga – Pata Racing Team Aprilia – Aprilia RSV4 Factory – + 22.996

    11- Javier Fores – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 43.132

    12- Maxime Berger – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 47.846

    - Classifica mondiale piloti Superbike:

    CARLOS CHECA DUCATI pt.467

    MARCO MELANDRI YAMAHA pt.360

    EUGENE LAVERTY YAMAHA pt.283

    MAX BIAGGI APRILIA pt.281

    LEON HASLAM BMW pt.216

    LEON CAMIER APRILIA pt.194

    SYLVAIN GUINTOLI DUCATI pt.179

    NORIYUKI HAGA APRILIA pt.170

    AYRTON BADOVINI BMW pt.155

    MICHEL FABRIZIO SUZUKI pt.145

    Foto da AP/LaPresse