Zidane al Frosinone: si chiama Mehdi ed è il nipote di Zinedine

da , il

    Zidane al Frosinone: si chiama Mehdi ed è il nipote di Zinedine

    Impazza il calciomercato estivo, quello di Serie A con grandi nomi e sontuose trattative, come pure quello delle serie cosidette “minori”. Il Frosinone Calcio si è guaagnato la ribalta della cronaca per aver adocchiato un giovane dalle belle speranze e dal cognome ingombrante. Si tratta di Mehdi Zidane, nipote prediletto di Zinedine Zidane.

    Per il momento Mehdi non è entrato a far parte della rosa ufficiale gialloazzurra ma non è esclusa una firma nero su bianco a breve, intanto Mehdi, 21 anni, figlio del fratello di Zizou è in prova alla corte di mister Stellone e lo sarà per 10 giorni, poi il verdetto con l’ingaggio ufficiale o gli auguri di un prosieguo ricco di soddisfazioni ma altrove e magari ricalcando le orme del granitico centrocampista transalpino famoso per la testata a Materazzi durante la finale ai Mondiali tedeschi nel 2006. L’operazione nasce dall’ottimo rapporto tra lo stesso Candela, compagno di nazionale e soprattutto amico fraterno di Zizou, e il Responsabile Operativo del Frosinone Ernesto Salvini che ha così commentato: “Frosinone può essere un punto di partenza ideale per il ragazzo, in palcoscenici più prestigiosi il cognome sarebbe stato un peso. Tra 10 giorni si vedrà se resterà con noi. E l’ingaggio non sarà un problema”. In Ciociaria tutti sperano nelle potenzialità di Mehdi che ricopre lo stesso ruolo dello zio, centrale granitico e penetrante che ha fatto storia a Cannes, Bordeaux, Juventus e Real Madrid e naturalmente della nazionale francese.

    Il Frosinone, dopo la retrocessione dalla Serie B due anni or sono, ha chiare ambizioni di promozione e un elemento di qualità come il piccolo Zizou farebbe la felicità dei tifosi canarini che attendono ansiosi una visita del grande Zinedine a Frosinone se non altro per monitorare i dieci giorni di test a cui sarà sottoposto il nipote Mehdi: “Ci auguriamo che abbia la stoffa di livello caratteriale per affrontare un campionato agonisticamente duro come la lega Pro. Avremo questi dieci giorni in cui proveremo a vedere se potrà essere dei nostri. Vincent Candela ha avuto ruolo importante per la trattativa, in un ambiente in cui il nome del ragazzo avrebbe potuto avere un peso. Zidane da noi in visita? Se dovessimo ricevere l’illustre zio sarebbe un piacere. La prova? Incomincia domani e durerà per i prossimi 10 giorni” – ha concluso Salvini.