Parma-Inter 1-0: Sansone punisce i nerazzurri. La Juve respira [FOTO]

da , il

    Nicola Sansone, nato a Monaco di Baviera, ma italianissimo, classe 1991. E’ lui il giustiziere dei nerazzurri che perdono l’ennesima occasione di riportarsi in scia della Juventus. Parma-Inter (1-0) è sfida che negli ultimi anni è sempre stata di difficile interpretazione da parte dei meneghini che capiscono l’antifona dopo pochi minuti quando Handanovic si supera per evitare l’autore di Samuel. La squadra di Stramaccioni punta al bersaglio grosso, ma il solo Guarin sembra avere la voglia di buttare il cuore oltre l’ostacolo. Così i ducali costruiscono due buone occasioni, ma al 45° è 0-0. Nella ripresa ci si aspetta l’assalto dell’Inter, ma è ancora il Parma a farsi pericoloso con lo scatenato Biabiany. Ma a trovare la rete è il giovane Sansone che conclude una bella azione personale con uno splendido destro. La reazione dei nerazzurri è inesistente e la squadra di Donadoni controlla agevolmente gli avversari. Finisce 1 a 0 con l’ennesima occasione persa: vedremo a fine campionato chi ne avrà beneficiato.

    La vigilia

    Stasera si gioca Inter-Parma nell’inedito orario delle 21.00. Al Tardini le due formazioni scendono in campo per il posticipo della 14a giornata di Serie 2012-13, quello che negli States definirebbero Monday Night. La squadra di Stramaccioni arriva da un punto in tre partite, compresa la trasferta di Kazan di Europa League, il tutto dopo la storica vittoria di Torino contro la Juventus. Assenze e un minimo di rilassamento hanno rallentato la rincorsa alla capolista. I nerazzurri hanno una nuova chance visto che i cugini del Milan hanno fatto il regalino battendo i campioni d’Italia e la partita contro i Ducali diventa fondamentale, stasera potrebbe esserci solo un punto di distanza tra Inter e Juventus.

    I precedenti

    Sono 27 gli scontri tra le due squadre al Tardini e lo score sorride ai padroni di casa che possono vantare 14 vittorie, 7 pareggi e 7 sconfitti con 44 reti segnate rispetto alle 26 dei meneghini. L’Inter non vince in Emilia dal 18 maggio 2008 quando Ibrahimovic segnò la doppietta che valse il primo scudetto sul campo dell’era Mancini. Da quel momento un pareggio per 1 a 1, una sconfitta per 2 a 0 e l’ultima partita che risale al 2 maggio 2012, quando Marques, Giovinco e Biabyany ribaltarono il vantaggio iniziale di Wes Sneijder.

    Inter-Parma, formazioni posticipo 14a giornata Serie A 2012-13

    Stramaccioni recupera tutta la difesa titolare e schiera dal primo minuto Ranocchia-Samuel-Juan Jesus di fronte ad Handanovic. I problemi sono dalla cintura in su con le squalifiche di Gargano e Cassano. In mezzo sarà Guarin ad affiancare Cambiasso con Nagatomo e Zanetti in fascia, mentre chance per Coutinho nel tridente con Palacio e Milito. Il Parma si presenta con il tradizionale 3-5-2 con Zaccardo-Paletta-Lucarelli in difesa; a centrocampo mancherà Parolo sostituito con tutta probabilità da Musacci. Davanti accanto ad Amauri ci sarà Biabiany in ballotaggio con Palladino per una maglia da titolare.

    Parma (3-5-2): Mirante, Zaccardo, Paletta, Lucarelli, Rosi, Marchionni, Valdes, Musacci, Gobbi, Amauri, Biabiany.

    A disposizione: Pavarini, Bajza, Fideleff, Benalouane, Acquah, Morrone, Ninis, Palladino, Belfodil, Sansone.

    Inter (3-4-3): Handanovic, Ranocchia, Samuel, Juan Jesus, Nagatomo, Guarin, Cambiasso, Zanetti, Coutinho, Milito, Palacio.

    A disposizione: Castellazzi, Belec, Silvestre, Jonathan, Mbaye, Mariga, Duncan, Alvaro Pereira, Alvarez, Livaja.