Pagellone della 29^giornata di Serie A: top e flop

Pagellone della 29^giornata di Serie A: top e flop
da in Calcio, Serie A, Sport
    Pagellone della 29^giornata di Serie A: top e flop

    Come sempre accade, la Domenica di Serie A ha regalato agli appassionati e tifosi italiani momenti da ricordare e momenti da dimenticare. Da segnalare le prestazioni di alcuni giovani calciatori italiani diventati “grandi” nelle ultime settimane e pronti a giocarsi un posto nei 23 in vista dei Mondiali brasiliani di Giugno. La Sampdoria fa la “manita” al Verona e raggiunge la salvezza quasi artimetica. Bruttissimo episodio a Pescara per il campionato Primavera.

    Ecco nel dettaglio il nostro medagliere con i migliori top e flop di giornata.

    TOP:

    Medaglia d’ORO a tre giovani calciatori italiani: Ciro Immobile, Mattia Destro e Giacomo Bonaventura. Per i nostri tre giovani calciatori nati intorno all’anno 1990, la Domenica (anche la stagione) è da ricordare. L’attaccante del Torino, Ciro Immobile, con una tripletta al Livorno è salito in vetta alla classifica cannonieri con 16 reti. Mattia Destro in questa stagione ha ritrovato il suo fiuto per il gol e da quando è rientrato segna sempre. Ha una media di un gol ogni 96′ (miglior media dei bomber italiani) mentre Giacomo Bonaventura ha steso con una doppietta l’Inter a San Siro. Questo trio si sta candidando seriamente a suon di ottime prestazioni per una maglia nella Nazionale. L’attacco azzurro è sterile? i gol e la freschezza di questi ragazzi potrebbero essere la soluzione ai problemi del Ct Cesare Prandelli.

    Medaglia di ARGENTO a Sinisa Mihajlovic: l’allenatore della Sampdoria ha trasformato i blucerchiati in una macchina da guerra. “Manita” alla Hellas Verona e figuraccia di Bergamo dimenticata. Ad inizio stagione la Sampdoria sembrava una seria candidata alla retrocessione ma con l’arrivo dell’ex ct della Serbia, il ruolino di marcia è decisamente cambiato tanto che a quota 39 punti, la salvezza sembra ormai cosa fatta. Per il focoso Sinisa manca solo un piccolo passo per migliorarsi ulteriormente ossia avere un po’ più di stile “british” davanti alle telecamere. Dopo la bella vittoria ha commentato:” La figura di m…. contro l’Atalanta resta lo stesso” è molto genuina come frase però si può sempre migliorare.

    Guerriero.

    Medaglia di BRONZO alla FIORENTINA: vincere al San Paolo di Napoli, non è mai facile ma la Viola, da poco eliminata dall’Europa League, con questa vittoria consolida la sua quarta posizione. L’Europa 2014-2015, a meno di un incredibile tracollo, vedrà ancora protagonista la squadra di Vincenzo Montella che a Maggio contenderà inoltre al Napoli la Coppa Italia.

    Medaglia di “LEGNO” al BOLOGNA: Il Bologna, vincente sul Cagliari, è riuscito a risollevarsi nell’ultimo periodoportandosi a “+2″ sulla zona retrocessione. Una vittoria fondamentale per il proseguo della stagione che potrebbe risultare determinante in vista del rush finale.

    FLOP DI GIORNATA:

    Medaglia d’ORO alla SASSAIOLA contro l’Hellas: Non centra con la serie A è vero, però il gesto è da medaglia d’oro delle schifezze per i presunti tifosi (i carabinieri stanno indagando) del Pescara che nella notte prima del match del campionato Primavera tra Pescara e Hellas Verona hanno lanciato dei sassi sul bus degli scaligeri. Un vetro rotto, fiancata ammaccata e una semplice domanda. Perchè questo gesto per una partita tra ragazzi di 17-18 anni??

    Medaglia di ARGENTO all’HELLAS VERONA: tornando a parlare di Serie A una medaglia flop la merita il Verona che crolla pesantemente a Genova contro la Sampdoria. Perdere ci sta ma prendere cinque gol è sempre una umiliazione evitabile. La squadra di Mandorlini sembra aver la “pancia piena” dopo la salvezza raggiunta.

    Medaglia di BRONZO al CAGLIARI: medaglia negativa anche per la squadra di Lopez (ancora in bilico il suo posto) che è stata sconfitta dal Bologna e ora è risucchiata nella zona rossa della bassa classifica. Se il Cagliari non cambia marcia e mentalità rischierà di finire nel baratro della Serie B.

    Medaglia di “LEGNO” all’ATTACCO DELL’INTER: La squadra di Mazzarri ha subito una sconfitta pesante tra le mura amiche contro l’Atalanta, colpendo 4 legni e sbagliando occasioni parecchio semplici. L’allenatore toscano, a fine gara, ha ribadito come sia fondamentale chiudere certe partite, segnando quando si creano cosi tante occasioni.

    718

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioSerie ASport
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI