Speciale Natale

Pagellone della 19a giornata di Serie A 2014: promossi e bocciati

Pagellone della 19a giornata di Serie A 2014: promossi e bocciati
da in Calcio, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:
    Pagellone della 19a giornata di Serie A 2014: promossi e bocciati

    Ecco il pagellone della 19a giornata di Serie A 2014, l’ultima del girone d’andata. Promossi e bocciati del massimo campionato messi sotto la lente d’ingrandimento e giudicato per il loro rendimento. Juve da fantascienza e prestazione da incorniciare per Berardi: questi i pezzi forti della domenica. Dietro arranca il Milan che chiude la gestione Allegri con una prestazione da incubo.

    Juventus: voto 11. Come le vittorie consecutive che costituiscono un record per la Serie A. Il gruppo di Conte continua a macinare gli avversari e non si vede al momento la fine di questo regno.

    Domenico Berardi: voto 10. Segnare 4 gol a questo Milan non può essere da solo motivo di vanto, ma a quest’età sono comunque segnale di un talento che comunque deve essere protetto al meglio per poter sbocciare. Un punto in più per la dedica al compagno Acerbi.

    Cristiano Ronaldo: voto 9. Vince il Fifa Ballon d’Or 2014 e ricorda la stella eclissata di Eusebio. Il portoghese torna davanti a Messi dopo un’eternità, a coronamento di una stagione incredibile dal punto di vista delle realizzazioni. Meno sotto la voce “Trofei”…

    Alessandro Florenzi: voto 8. “Se lo facevo io, chiudevo con il calcio, perché non mi rialzavo più da terra”, ha detto Totti sul gol in rovesciata. Aggiungiamo: se lo faceva il Pupone se ne sarebbe parlato per una settimana. Non conterà molto ma te lo diciamo noi: bravo Florenzi!

    Napoli: voto 7. Sembrava una maledetta domenica, ma il gioiello di Mertens ha spalancato le porte ad una vittoria tanto importante soprattutto sul piano mentale. E’ il segnale che si è ancora in campo nonostante la capolista voli.

    Sampdoria: voto 6. Mihajlovic trova un’altra vittoria fondamentale che porta definitivamente fuori dalle secche della retrocessione i blucerchiati. Eder trova finalmente una dimensione che aveva fatto intravedere solo a sprazzi.

    I bocciati

    Inter: voto 5. Ennesimo prestazione balbettante. Anche oggi ci sono ragioni per recriminare (un gol annullato, un rigore che ci poteva stare), ma Mazzarri sta trovando difficoltà impreviste anche perché – diciamocelo – i nerazzurri non sono il Napoli.

    Genoa: voto 4. Dura pochi minuti sul campo della Roma, si squaglia sotto le prodezze di Florenzi e dietro al nervosismo di Matuzalem. E pensare che Gasperini sognava il colpaccio…

    Bologna e Lazio: voto 3 .

    Spettacolo imbarazzante all’Olimpico secondo l’italianissima regola che due feriti son meglio di un morto. Reja e Ballardini portano un punticino a casa nel migliore degli happy ending possibili. A rimetterci è sempre e solo il pubblico.

    Catania: voto 2. Pesantissima sconfitta a Bergamo contro una diretta concorrente. L’ultimo posto in coabitazione con i labronici sembra suonare come una condanna a morte.

    Livorno: voto 1. In città si aspettava l’inversione di tendenza dopo la buona prestazione nel derby contro la Fiorentina. Il Parma ha passeggiato segnando la fine della reggenza di Nicola.

    Milan: voto 0. Il De Profundis di Allegri è stato intonato su un campo di provincia, dove un giovane di belle speranze ha messo a nudo tutti i limiti del Diavolo. La difesa dei rossoneri è da Lega Pro e certe scene sono veramente difficili da commentare. Ora arriva Seedorf e pare si porti come vice Stam. Speriamo giochi lui…

    573

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioSerie ASport

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI