Pagellone della 15a giornata di Serie A 2012-13: promossi e bocciati

da , il

    Pagellone della 15a giornata di Serie A 2012-13: promossi e bocciati

    Ci siamo, ecco il pagellone della 15a giornata di Serie A 2012-13: squadre e calciatori tremate, il giudizio inappellabile è in arrivo. Possono stare tranquilli Juventus, Napoli, le due romane e il Milan. Giornataccia invece per l’Inter, il Genoa e soprattutto per Garcia, Barrientos e Glik causa dei mali della propria squadra.

    Juventus e Napoli voto 10: perfette nei loro impegni. Derby in tasca e Torino asfaltato per gli uomini di Conte che tornano alla vittoria dopo l’impasse di San Siro. Napoli alla grandissima che sotterra sotto 5 reti il povero Pescara che si avvia alla retrocessione

    Lazio e Roma voto 9: ottime anche le domeniche delle due romane che volano contro Parma e Siena. Nelle due vittorie la firma dorata di Mattia Destro, ritrovato, e Miro Klose, l’implacabile bomber dell’Aquila.

    Milan voto 8: certo che se il guardalinee avesse fatto il suo dovere sarebbe stato l’ennesima notte da mal di testa. Però con un El Shaarawy così è possibile risalire, quantomeno fino alle posizioni che valgono l’Europa. In risalita con il talismano Berlusconi

    Udinese voto 7: passano le stagioni, si vendono i campioni, rimangono i grandi risultati. Le certezze si chiamano Guidolin e Di Natale, il supporting cast è sempre di alto livello grazie al mercato della famiglia Pozzo che scova sempre il Sanchez, l’Inler e quest’anno un Pereyra eccelso.

    Sampdoria e Bologna voto 6: blucerchiati che tornano a giocar bene e strappano un ottimo punto dal campo ostico della Fiorentina. I felsinei battono l’Atalanta e si rilanciano grazie a super Diamanti nella lotta salvezza.

    I bocciati

    Inter e Fiorentina voto 5: i nerazzurri riescono a vincere, ma la prestazione è veramente insufficiente. Dov’è finita l’Inter spumeggiante di un mese fa? A Stramaccioni la risposta. Montella rosica per i tre punti persi, ma le assenze pesano tantissimo su un organico perfetto.

    Barrientos e Garcia voto 4: il Catania recrimina giustamente con l’arbitro, ma l’espulsione è senza appello. Garcia invece regala tre punti all’Inter con la più sciagurata delle autoreti.

    Arbitri voto 3: altra giornata da tregenda per gli arbitri italiano. Sbagliano con tutte, ma le piccole piangono per gli aiutini concessi alle big di questo campionato. E’ l’ora di un cambio di rotta, please.

    Pescara voto 2: il cambio in panchina non ha dato alcun frutto. Purtroppo il valore di questa squadra è chiaro e la retrocessione è la conseguenza più ovvia.

    Genoa voto 1: il Grifone è in crisi totale. Ieri il Chievo ha fatto di Marassi terreno di conquista con una facilità irrisoria. Oltre i limiti tecnici stanno venendo fuori tutti quelli caratteriali di una squadra che cambia pelle ogni stagione. Fischiano le orecchie a Preziosi?

    Glik voto 0: regala alla Juventus un derby che non era già scritto. Falciato Giaccherini la strada verso la sconfitta è diventata inevitabile.