Speciale Natale

Pagellone della 11a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati

Pagellone della 11a giornata di Serie A 2013-14: promossi e bocciati
da in Calcio, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:

    Torna puntuale il pagellone della 11a giornata di Serie A 2013-14. Promossi e bocciati del massimo campionato messi in fila dai nostri giudizi. Si accende un’entusiasmante lotta per lo scudetto, mentre brillano dietro Inter, Fiorentina e Verona. Malissimo il Milan e la Lazio che trascinano in campo i tanti problemi societari.

    Lotta per lo scudetto: voto 10. La Roma rallenta, il Napoli e la Juventus rispondono presenti. Alla Serie A manca come il pane, dopo un anno di reggenza bianconera, la sfida per la leadership. Garcia, Conte e Benitez ce ne faranno vedere delle belle fino a primavera. Statene pur certi.

    Inter: voto 9. Bellissima vittoria della squadra di Mazzarri che espugna con un secco 3 a 0 il difficile campo dell’Udinese. Palacio è sempre più il giocatore guida dei nerazzurri con i suoi gol pesanti. Peccato per i punti persi prima, poteva stare nel terzetto in fuga.

    Cerci e Berardi: voto 8. Il brasiliano d’Italia si candida a suon di prestazione a tornare in madrepatria per i mondiali con la maglia azzurri. L’attaccante del Sassuolo invece fa segnare un record strepitoso: è il più giovane che milita nei 5 maggiori campionati europei ad aver segnato una tripletta. E’ nato il 1° agosto 1994…

    Verona e Fiorentina: voto 7. L’Hellas non è più una sopresa, ma il 6 su 6 tra le mura amiche fa sognare. La Viola passeggia tra le rovine di San Siro con una prestazione solida che rilancia le ambizioni europee della squadra di Montella.

    Genoa: voto 6. Gasperini sembra aver ritrovato lo smalto dei tempi belli. Il Grifone corre (10 punti in 5 partite) e si mette al riparo dal baratro della B. Gilardino uomo in più.

    I bocciati

    Roma: voto 5. Doveva succedere e alla fine è successo. Un pari a Torino non va buttato, ma oramai ci eravamo abituati troppo bene. Napoli e Juventus sono già lì dietro.

    Cagliari: voto 4. I bookmakers dicono che sarà la prossima panchina a saltare e c’è da crederci. I sardi non imbroccano più una partita da settimane (ne hanno perse 4 nelle ultime 5) e la lotta per la salvezza si accende.

    Lazio: voto 3. E’ sfida aperta in casa biancoceleste tra tifosi e Lotito.

    L’indigestione del 26 maggio ha fatto danni devastanti allo stesso modo di una gestione miope del mercato. I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

    Milan: voto 2. La desolante prestazione del Diavolo ha accesso inattesi giochi di potere tra Galliani e Barbara Berlusconi. Nonostante le pronte smentite, le parole della Lady sono chiare. La dirigenza ha sbagliato. I tifosi con i loro striscioni avevano già emesso il verdetto.

    Lo striscione per Pessotto a Parma: voto 1. Tra le mille cose su cui scherzare, si sceglie la peggiore. Cartellino rosso ai tifosi che hanno ideato questa “genialata”…

    Mario Balotelli: voto 0. Chi ha visto il match sa perché: insopportabile e inutile. Allegri deve avere il coraggio di metterlo in panchina.

    503

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioSerie ASport

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI