La nuova maglia della nazionale italiana per il 2018 (che per ora indosserà solo Buffon)

L'Italia stasera a Torino contro la Macedonia indosserà per la prima volta la nuova maglia della Nazionale italiana 2018. O meglio, la indosserà l'icona e capitano azzurro, Gigi Buffon, mentre il resto della squadra sarà in maglia da trasferta. La nuova casacca è stata realizzata da Puma

da , il

    La nuova maglia della nazionale italiana per il 2018 (che per ora indosserà solo Buffon)

    E’ stata svelata la nuova maglia della nazionale italiana per il 2018, ma per ora la indosserà solo Buffon. La nuova uniforme verrà rivelata durante la partita di questa sera, cioè del 6 novembre 2017, contro la Macedonia, valida per le qualificazioni ai Mondiali 2018 in Russia e in programma alle 20.45 allo stadio ‘Grande Torino’, dove disputa le sue partite interne la formazione granata del Torino guidata da Sinisa Mihajlovic. Sarà una sorta di anteprima della casacca firmata dalla Puma, sponsor tecnico della Nazionale italiana di calcio.

    Che sia Buffon il primo a ‘sfilare’ in campo con la nuova divisa è un omaggio ai 20 di carriera di SuperGigi, sperando che possa anche essere beneaugurante per la partecipazione alla sua sesta Coppa del mondo. Puma e la Figc hanno scelto insomma un testimonial d’eccezione, il giocatore italiano più conosciuto pure all’estero, un veicolo fondamentale a livello di marketing. Colui che, nel 2006, sempre difendendo la porta dell’Italia, vinse il Mondiale in Germania. Quel Buffon che ha inaugurato di persona un murales gigantesco che lo rappresenta, per le strade di Torino, realizzato dal collettivo di artisti di strada Kamp Seedorf.

    Tutto è stato pensato nei dettagli per la serata di Torino. La Nazionale ha rinunciato a indossare la nuova maglia Puma proprio per lasciare tutta la scena al numero uno della Juventus. Per chi, però, volesse acquistarla, la casacca 2018 sarà nei negozi fin da oggi. Il 9 ottobre, per l’impegno in Albania – l’ultimo del girone di qualificazione a Russia 2018 – l’intera squadra scenderà in campo con le nuove divise firmate Puma. Ma non stasera. Stasera è la sera di Buffon.

    Chi è Gigi Buffon

    Come detto, Gianluigi Buffon è conosciuto praticamente da tutti. Ma per chi non lo sapesse, è nato a Carrara, città di 65 mila persone in Toscana, nota per essere la ‘casa’ del marmo. Qui, accanto alle cave, è nato e cresciuto colui che, forse proprio per un segno del destino, nel tempo è diventato un nome scolpito nella pietra del calcio mondiale. Talento grezzo, come le pareti di marmo, è stato necessario lavorarci sopra, su Buffon, per ottenere il campione che è oggi. Prima di salire all’apice della storia mondiale del calcio, Gigi ha aspettato otto anni. Ma sono stati otto anni in cui è cresciuto, fin dall’esordio in serie A giovanissimo con la maglia del Parma, prima di passare alla Juventus, di cui è diventato icona.

    Se l’Italia si qualificherà ai prossimi Mondiali, Buffon sarà il primo calciatore ad averne disputate sei di Coppe del mondo. Intanto, si gode i due decenni con la maglia azzurra addosso. Con cui ha attraversato il sole di Marsiglia, la pioggia del Brasile, le vuvuzuelas, la delusione e le lacrime di gioia dopo la vittoria ai rigori contro la Francia nel 2006. La carriera di Buffon ha avuto momenti difficili, come l’infortunio e l’operazione alla spalla, in Nazionale ha subito sconfitte scottanti e con il suo club – la Juve – ha assaggiato pure l’onta della serie B, ma nel 2006 ha coronato il sogno che in tanti hanno da bambini. Coppa del mondo, candidato al Pallone d’oro. Quarta stella sulla maglia dell’Italia, che il portiere toscano ha indossato 171 volte.

    Puma si dice naturalmente orgogliosa di aver lavorato insieme a una leggenda vivente. E così, insieme alla Figc, ha deciso per il tributo di questa sera. Tutta l’Italia indosserà la maglia da trasferta per esaudire il desiderio di Buffon di entrare in campo con la maglia azzurra, possibilità preclusa a tutti gli estremi difensori italiani. Ed è stata sempre Puma, per celebrare il campione, a chiedere al collettivo di Kamp Seedorf di scolpire nella pietra il nome di Buffon, in un modo del tutto particolare. In ogni luogo in cui il nostro Gigi ha giocato o giocherà una Coppa del mondo è stato realizzato un murales a lui dedicato, con la maglia azzurra: Parigi, Tokyo, Berlino, Johannesburg, Rio de Janeiro e Mosca (beneaugurante). L’ultimo murale, quello di Torino, è stato inaugurato dalla leggenda vivente in persona.

    Lunedì 9 ottobre, poi, a Scutari contro l’Albania, tutta la Nazionale di calcio italiana indosserà la nuova maglia con il nuovo logo della Figc. Una maglia disegnata per ricordare i fasti del passato del nostro calcio, con riferimenti al Tricolore sui bordi delle maniche e dietro il colletto. E poi l’azzurro, che da sempre ci contraddistingue in campo internazionale. Una casacca realizzata con l’aiuto della tecnologia di evoKNIT Thermoregulation di Puma, struttura che gestisce in maniera adattiva areazione e umidità, aiutando a mantenere la temperatura corporea in perfetto equilibrio. Cosa resa possibile anche dall’assenza di cuciture, il che offre mobilità e indossabilità imbattibili.

    Osservandola da vicino, la nuova maglia della Nazionale italiana 2018, si notano le alette di areazioni poste nelle zone più critiche della maglia; servono a canalizzare l’aria per regolare la temperatura corporea. La tecnologia dryCELL assicura traspirabilità grazie a filati a prestazioni elevate, in grado di far scivolare via il sudore dal corpo. Quindi, tecnologia e comfort, ai giocatori dell’Italia sembrerà di indossare una seconda pelle, in grado di muoversi coordinata con il corpo e non contro di esso. Più libertà di movimento sul terreno di gioco, migliori prestazioni. A cominciare da Gigi Buffon questa sera a Torino.