Ibrahimovic a Guardiola: sei senza palle

da , il

    Ibrahimovic a Guardiola: sei senza palle

    Zlatan Ibrahimovic quando parla riesce sempre a far scrivere titoloni a tutti i giornali. Con l’uscita del libro ‘Io sono Zlatan‘, l’autobiografia scritta insieme a David Lagercrantz che uscirà in Svezia l’11 novembre, sono emersi molti dettagli dello svedese, sia in ambito privato sia dal punto di vista sportivo. Gli episodi più incredibili? “Il vaffa…” a Guardiola dopo una partita e una corsa a 325 km/h in autostrada…

    Il primo capitolo del libro è stato pubblicato in esclusiva dal quotidiano svedese “Aftonbladet” e parla in particolare dell’anno vissuto a Barcellona. Dopo l’iniziale sensazione di ”camminare sulle nuvole” per essere passato nell’estate del 2009 dall’Inter al club spagnolo, il rapporto con Guardiola si è rivelato difficile sin dal primo incontro quando Pep sottolineò il fatto che ogni calciatore blaugrana deve ”rimanere con i piedi per terra”, senza macchinoni per andare agli allenamenti e senza dichiarazioni fuori dai canoni.

    - Le “critiche” a Guradiola:

    Secondo Zlatan, Messi, Xavi ed Iniesta sono come studenti davanti a un professore, troppo obbedienti e precisi. “Io invece sono un ragazzo a cui piacciono i tipi che passano con il rosso. Col tempo sono diventavo troppo buono e così molle, anche durante gli scontri in partita”. Dopo un po’ di tempo Ibra chiese un incontro a Guardiola: ”Io sono una Ferrari, ma mi guidi come se fossi una Fiat”… Da allora il rapporto si incrinò.

    La rottura definitiva? Dopo il match perso in Champions contro l’Inter di Mourinho. Zlatan sbottò contro il suo allenatore: ”Sei senza cogli***. Ti caghi addosso davanti a Mourinho! Vaffa…!”: questa colorita espressione fa capire perchè Zlatan dopo qualche mese non giocò di fatto più!

    - La risposta diplomatica di Messi:

    “Non so cosa pensasse. Io personalmente con lui mi trovavo bene, e credo anche i miei compagni. Se c’era qualcosa che non andava era col mister”. Si attende quella di Guardiola… Per adesso la risposta più evidente è stata quella dei tifos blaugrana che come un fiume in piena hanno commentato in maniera negativa le frasi di Ibra su blog e siti Internet. Per fortuna la sfida di Champions tra Barca e Milan si giocherà a San Siro…

    - L’intervista anticipatrice del passaggio al Milan:

    “Guardiola non mi parla da sei mesi, l’ha fatto solo due volte, io non riesco a capire perchè. So che il Milan è venuto qui per me, io ho un contratto di quattro anni con il Barcellona. Ho bisogno di tranquillità, a Barcellona sto bene, ma ho dei problemi con il tecnico. Non so a che punto sia la trattativa, mi piacerebbe giocare con Ronaldinho”. Mesi prima del clamoroso passaggio al club rossonero, Ibra aveva già buttato l’amo a Galliani…

    - Zlatan alla guida: codice rosso

    “Guido come un pazzo. Una volta andavo a 325 all’ora e avevo dietro la polizia. Ho fatto così tante cazzate che non oso pensarci”. In Spagna, dopo una nevicata, è anche andato a sbattere contro un muro… Insomma, meglio non farsi dare un passaggio da Ibra!

    Insomma… un’Ibra a tutto tondo che riesce sempre a far parlare di se. Aveva ragione Guardiola che ha continuato a vincere anche senza lo svedese o Zlatan che dove va vince scudetti…?

    Foto da AP/LaPresse