NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

I migliori giocatori del Milan che hanno segnato il club Rossonero

I migliori giocatori del Milan che hanno segnato il club Rossonero
da in Calcio, Evergreen sport, Milan, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16/01/2017 18:24

    milan.atene.2007

    Un club che è un’istituzione, in Italia e nel resto del mondo. Il Milan, dopo le ultime difficili stagioni, con l’arrivo di Vincenzo Montella in panchina sta provando a risalire nelle zone che più gli competono. Sono tanti i giocatori del Milan che hanno segnato la storia del club rossonero, campioni che hanno legato la loro carriera alla maglia del Diavolo: bandiere, palloni d’Oro, campioni che sono entrati nel cuore dei tifosi rossoneri senza mai più uscirne. Abbiamo scelto, quindi, cinque calciatori che per diversi motivi riteniamo abbiano segnato maggiormente la storia del Milan.

    maldini.milan

    902 presenze con la maglia rossonera, 12 stagioni con la fascia di capitano al braccio, 26 trofei vinti in 25 anni: numeri impressionanti, che non bastano per spiegare ciò che Paolo Maldini significhi per il Milan. Figlio di un’altra leggenda rossonera, Cesare, Paolo Maldini ha legato il suo nome in maniera indissolubile a quello del Milan, partendo dalla giovanili del club rossonero per poi diventarne il simbolo.

    baresi.milan

    Tutta la carriera con la maglia rossonera addosso, capitano e simbolo del Milan di Sacchi prima e di Capello poi che vinse tutto quello che c’era da vincere. Franco Baresi è stato per anni il Milan, l’uomo che ereditò la fascia dal braccio di Gianni Rivera, in occasione del centenario del Diavolo fu eletto dai suoi tifosi “Rossonero del secolo”. Uno dei protagonisti del calcio italiano e mondiale degli anni ’80 e ’90. 19 trofei conquistati, Baresi è secondo nella classifica dei più presenti con la maglia rossonera, alle spalle di Paolo Maldini.

    Rassegna storica Derby Milan Inter

    Primo pallone d’Oro italiano nel 1969, 19 stagioni in maglia rossonera di cui 12 con la fascia da capitano sul braccio, Gianni Rivera è uno dei simboli della storia del Milan. Cresciuto nell’Alessandria, Rivera esordì in Serie A a soli 15 anni, per poi passare al Milan non ancora maggiorenne e fare la storia: 12 trofei vinti, quarto per numero di presenze, terzo marcatore di sempre in rossonero, e un posto di rilievo nel cuore dei tifosi milanisti.

    van.basten.milan

    Fuoriclasse assoluto, attaccante fenomenale, tre volte Pallone d’Oro: Marco van Basten ha fatto innamorare i tifosi del Milan con la sua classe e le sue giocate eleganti, oltre che per la sua triste storia fatta di infortuni a ripetizione che lo costrinsero a terminare la carriera a soli 30 anni. Insieme ai connazionali e amici Gullit e Rijkaard fece le fortune del Milan di Sacchi e divenne uno dei simboli del primo ciclo di successi dell’era Berlusconi, conquistando 14 trofei e realizzando 125 reti in rossonero.

    shevchenko.milan

    Sbarcato a Milano nell’estate del ’99 dopo aver impressionato l’Europa con la Dinamo Kiev, Shevchenko è riuscito fin da subito a entrare nel cuore dei tifosi del Milan. Classe, velocità, gol, amore per la maglia: in otto stagioni in rossonero l’attaccante ucraino ha realizzato la bellezza di 175 reti, dietro soltanto al leggendario Gunnar Nordahl, vincendo cinque trofei e alzando al cielo il Pallone d’Oro nel 2004.

    775

    PIÙ POPOLARI