I 10 calciatori più veloci di sempre

Non sfigurerebbero su una pista di atletica a correre con gli sprinter: sono i 10 calciatori più veloci di sempre. Che non devono solo correre, ma anche controllare il pallone. Ci sono nomi noti, ma non solo nella classifica dei migliori

da , il

    Ronaldo

    Autentiche schegge, che potrebbero pure correre i 100 metri con gli sprinter più forti al mondo, ma che hanno scelto un altro sport: ecco i 10 calciatori più veloci di sempre. Quelli a cui è impossibile tenere testa sullo scatto e che allora bisogna cercare di anticipare. Perché se partono, non li prendi più. Spesso si tratta di esterni di fascia, le ali di una volta, ma qualche volta sono attaccanti, di quelli che in contropiede sono capaci di incenerirti. La velocità di un calciatore è un talento innato, quasi impossibile allenarlo. O ce l’hai o non ce l’hai.

    10. Ivan Ramiro Cordoba

    Ivan Ramiro Cordoba

    Per un difensore, per di più centrale, entrare nella top ten dei 10 calciatori più veloci di sempre è una grande impresa. L’autore è Ivan Ramiro Cordoba, ex bandiera dell’Inter e anche uno dei marcatori più completi del calcio contemporaneo. Esplosivo sull’uomo, ottimo nello stacco di testa nonostante un’altezza nella media. Ha fatto dello spunto in velocità la sua caratteristica migliore. I tifosi dell’Inter ricordano decine di recuperi miracolosi, con interventi quasi sempre puliti sul pallone.

    Anche gli attaccanti più veloci erano costretti ad alzare bandiera bianca, spesso e volentieri. Pure quelli che vedevano solo il portiere tra loro e la gloria, recuperati all’ultimo da Cordoba.

    9. Arjen Robben

    Arjen Robben

    Ala olandese del Bayern Monaco, ha abbinato alla buonissima tecnica uno scatto fulmineo. Prima di approdare in Bundesliga, hanno potuto godere delle sue progressioni in fascia il Psv Eindhoven e il Real Madrid. Preferibilmente sulla fascia destra, fuga, rientro sul piede preferito e conclusione a giro angolata, potente e precisa, destinata quasi sempre all’angolo opposto. Capace di sfiorare i 30,5 chilometri all’ora, Robben ha fatto e fa tuttora le fortune dell’Olanda.

    8. Theo Walcott

    Theo Walcott

    Ancora più veloce di Robben l’inglese Theo Walcott, in grado di sprintare a una velocità massima di 32,7 chilometri orari, senza mai perdere contatto con la palla e lucidità per far funzionare il dribbling. Da promessa del calcio, convocato a 17 anni da Sven Goran Eriksson per il Mondiale 2002, ha mantenuto ciò che si diceva di lui, anche se con l’Arsenal ha vinto di meno di quello che avrebbe potuto vincere altrove.

    7. Lionel Messi

    Leo Messi

    Nasconde la palla, segna, fa segnare, vince. E va velocissimo. E’ l’argentino Leo Messi. Nasce, l’argentino, esterno, anche se poi è andato spostandosi sempre di più nel vivo dell’azione, facendo spesso e volentieri il centravanti. Il suo spunto? Da 32,2 chilometri orari. Certo, è un po’ strano non vederlo al primo posto tra i calciatori velocisti, ma abbinate i dribbling che fa in velocità, aumentando la progressione palla al piede, e avrete il fenomeno che è la Pulce.

    6. Ronaldo

    ronaldofenomeno

    Prima che gli infortuni lo rendessero più cauto, Ronaldo il Fenomeno era un centravanti più forte del calcio contemporaneo, insieme a Marco van Basten. La prima parte della carriera ha visto il brasiliano divertirsi con le serpentine in velocità, soprattutto ai tempi di Psv e Barcellona, controllando sempre perfettamente il pallone. Gli avversari? Indietro, saltati in dribbling. La palla? Depositata in rete. Più avanti, proprio dopo gli infortuni, Ronaldo si è trasformato in bomber puntuale in area di rigore.

    5. David Suazo

    David Suazo

    Ex bomber dell’Honduras, in Italia con il Cagliari e l’Inter. Avrebbe fatto ottima figura su una pista d’atletica. Da giovane, del resto, David Suazo si era cimentato veramente nei 100 metri, ma avrebbe fatto benissimo anche sui 400 metri perché era in grado di calibrare e mantenere una velocità costante per tutto il giro di pista. Per anni, Suazo è stato il giocatore più veloce del campionato italiano, con pochi imitatori in giro per l’Europa. Con lui in squadra, era naturale provare a giocare in contropiede.

    4. Cristiano Ronaldo

    Cristiano Ronaldo

    Poteva mancare Cristiano Ronaldo? Naturalmente no. Anche se pure si è evoluto, calcisticamente parlando, andando a giocare sempre più vicino alla porta. Inizialmente, era un’ala pura. La sua punta di massima velocità? I 33,6 chilometri orari, sfoderati nel 2015 contro il Cordoba. E dire che le leve sono lunghe, ma Cr7 è capace di mantenere il controllo del pallone quando è lanciato. Rispetto al suo omonimo brasiliano, il portoghese è più potente e dà il meglio in campo aperto.

    3. Aaron Lennon

    Aaron Lennon

    Saliamo sul podio con Aaron Lennon. Da promessa del calcio inglese proprio grazie alla grande velocità, avrebbe potuto fare molto di più in seguito. Ha perso l’occasione, a causa della discontinuità di rendimento e della poca confidenza con il gol. La Fifa lo ha comunque citato per essere stato in grado di spingersi fino a 33,8 chilometri orari. A favorire la velocità dell’ala dell’Everton la bassa statura.

    2. Gareth Bale

    Gareth Bale

    Nelle gare di velocità, in allenamento, supera praticamente sempre Cristiano Ronaldo, uno a cui arrivare secondo non piace mai. Il gallese Gareth Bale, che gioca nel Real Madrid, aveva iniziato in difesa per poi trasformarsi in esterno di centrocampo e oggi nella stessa posizione di Cr7. Eccezionale anche negli stacchi aerei, l’ex Tottenham dà sempre la sensazione di poter dare ancora di più.

    1. Antonio Valencia

    Antonio Valencia

    Il calciatore più veloce di sempre è il treno Antonio Valencia. Esterno dell’Ecuador, arrivato al Manchester United nel 2008 dopo aver incantato al Mondiale in Germania, ha fatto segnare una punta massima di velocità di 35,1 chilometri orari, sena mai perdere brillantezza nella corsa. Gioca naturalmente sulla fascia. Peccato che allo scatto non faccia da alleata la tecnica di base. Tanto che è stato retrocesso, da esterno alto a difensore esterno. Intanto, si gode questo primato.