Cassano-Inter: il barese se sbagliava al Milan era da manicomio…. [VIDEO]

Cassano-Inter: il barese se sbagliava al Milan era da manicomio…. [VIDEO]
da in Calcio, Inter, Milan, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:

    AP/LaPresse

    Qualche ora fa la fumata bianca alla trattativa. Uno degli scambi più discussi della sessione estiva di mercato si è compiuto, Milan e Inter hanno visto ancora una volta incrociare i propri destini, questa volta non con un braccio di ferro sul campo ma ad un tavolo di trattative. Già andate in archivio le firme sull’accordo tra le due società milanesi e lo scambio Antonio Cassano-Giampaolo Pazzini. Il via libera all’affare è arrivato al termine di un incontro tra Adriano Galliani e Massimo Moratti in cui i due hanno stabilito in 7 milioni il conguaglio che i rossoneri verseranno all’Inter, per oggi sono previste le visite mediche.

    Il Milan si è liberato di un giocatore che aveva chiesto di essere ceduto, allo stesso tempo Allegri potrà contare sua una prima punta come aveva chiesto espressamente alla società. Dall’altra parte l’Inter ha incassato 7 milioni, un bottino da investire nel mercato a caccia di nuove leve, ha venduto un giocatore ai margini del progetto e soprattutto ha messo a disposizione di Stramaccioni un attaccante gradito, Fantantonio, per giunta insospettabile tifoso nerazzurro, dunque l’attaccamento alla maglia è in cassaforte. Insomma tutti contenti o quasi, tutti eccezion fatta per i tifosi rossoneri che devono digerire un altro amaro boccone. Non è dato sapere di che fattura sarà la stagione del Diavolo in vena di cessioni eccellenti e rivoluzione dell’organico, fatto sta che il cambio di maglia del barese ha il sapore di beffa soprattutto se andiamo a rispolverare il video in cui l’ex blucerchiato, giunto a San Siro nel gennaio 2011 dopo la furibonda litigata e rottura annessa con il patron doriano Garrone, elogiava la maglia rossonera e vedeva il suo approdo nel tempio del calcio italiano come un punto d’arrivo.

    “Spero con tutto il cuore di fare tutto il possibile per far felice Galliani, il Presidente Berlusconi e tutta la gente. Penso e sono sicuro che sarà la mia ultima tappa, qui al Milan, perché sono arrivato alla squadra più titolata del mondo, sono arrivato al Top, più del Milan non c’è nulla, c’è poi il cielo e basta. Stavolta qua è l’ultima occasione, ma non tradirò la gente che ha creduto in me.

    Sono certo al 100% che non sbaglierò perché hanno creduto in me…se sbaglio al Milan sono da rinchiudere al manicomio” – diceva a suo tempo Cassano entusiasta di lasciare Genova e accasarsi alla corte della coppia Galliani-Allegri. Tutto svanito? Fantantonio è come Ibrahimovic, prodigo di complimenti a società e tifosi, euforia a gogò, un surrogato di bontà e gratitudine destinato a scomparire non appena cambia il vento? Il vento in Via Turati è cambiato eccome. Il Milan svende, Galliani liquida i pezzi da novanta, vedi Gattuso, Nesta, Ibrahimovic, Seedorf, Thiago Silva e il talento di Bari Vecchia ci ripensa, con garbo ma ci ripensa, tornando sui suoi passi. L’amore, grande all’epoca del video, è finito, Cassano è nerazzurro, Pazzini rossonero, i gemelli del gol sotto la curva doriana del Ferraris si sono scambiati di posto e per Fantantonio dal cuore nerazzurro inizia un’altra avventura.

    559

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioInterMilanSerie ASport
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI