Speciale Natale

Addio a Jonah Lomu: il rugbysta degli All Blacks morto a soli 40 anni

Addio a Jonah Lomu: il rugbysta degli All Blacks morto a soli 40 anni
da in Rugby, Sport
Ultimo aggiornamento:

    Addio a Jonah Lomu, il più grande rugbista di sempre e colonna degli All Blacks, è morto questa notte a soli 40 anni. Il giocatore soffriva di una rara e grave forma di sindrome nefrosica ed è morto per un improvviso aggravamento della sua malattia. Lomu è morto nel suo appartamento neozelandese di Auckland dove viveva con sua moglie Nadene e i figli Dhyreille di 5 anni e Brayley di 6 anni. Questa notizia ha gettato nello sconforto un’intera nazione se non il rugby intero. Lomu è stato infatti uno dei più grandi giocatori di Rugby di sempre, capace di grandi partite e vittorie sensazionali. Fino a qualche giorno fa le sue condizioni fisiche erano apparentemente buone tanto da aver viaggiato a Dubai con la famiglia poi però, dopo un calo improvviso delle proteine nel sangue, è arrivato un nuovo blocco renale che gli è costato la vita.

    Jonah Lomu

    Vorrei vedere i miei figli crescere fino a quando compiranno 21 anni e spero crescano forti e in salute” era una delle ultime confessioni fatte da Lomu nei giorni scorsi. Il rugbysta, orfano di padre da giovanissimo, non voleva creare lo stesso dispiacere ai propri figli ma purtroppo la malattia lo ha battuto. Lomu è stato un vero mastino in campo seppur fuori dal rettangolo verde fosse una persona definita da molti come dolce e tranquilla. Jonah era implacabile e quando partiva con l’ovale in mano nessuno riusciva a fargli resistenza. Memorabile fu la meta siglata contro l’Inghilterra dove superò prima Underwood poi Carling ed infine calpestò letteralmente l’estremo Catt portando l’ovale oltre la linea. Lomu ha il record di marcature nella fase finale di una Coppa del Mondo (15). Numeri importanti per un giocatore che è diventato una vera leggenda di questo sport.

    La sua storia mondiale iniziò nel 1995 quando trascinò gli All Blacks alla finalissima della World Cup poi persa contro il Sudafrica. Nel 1999, sempre nelle fasi finali della Coppa del Mondo, fece un’altra meta divenuta poi leggendaria contro la Francia con quattro avversari praticamente aggrappati alle sue gambe ma con Lomu capace lo stesso di far meta. Una potenza mai vista in nessun altro giocatore. Il neozelandese era alto 196 cm per 118 chili di muscoli che gli regalavano una velocità più da centrometrista che rugbysta. Se il rugby è diventato cosi famoso negli ultimi anni è anche grazie alla leggenda di Jonah Lomu.

    472

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN RugbySport

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI