Truffe online: le 5 più diffuse da cui difendersi

La tecnologia è una gran bella cosa, ma ha lasciato spazio anche a nuove frontiere del raggiro. Le truffe online sono sempre più diffuse, tant'è che non mancano ogni giorno le segnalazioni alla polizia postale. Scopriamo assieme quali sono le 5 truffe online più famose e diffuse, così da riconoscerle ed evitare azioni avventate.

da , il

    Truffe online: le 5 più diffuse da cui difendersi

    Le truffe online rappresentano l’ultima frontiera dei furbetti per spillare soldi ad ignare vittime. Ci sono ormai modus operandi comuni e che si riescono a smascherare con facilità, se solo si conoscono i meccanismi. Oggi parleremo delle truffe online più diffuse da cui difendersi, così da riconoscere immediatamente il pericolo e correre ai ripari, in modo tale da evitare eventuali azioni avventate che possano esporvi alle cattive intenzioni dei truffatori online.

    L’amante via chat

    E’ una delle truffe online più diffuse, anche se non è detto che tutte le conoscenze fatte sul web debbano rivelarsi fregature. La truffa dell’amante via chat avviene come un qualunque altro incontro virtuale – scambi di foto, messaggini, confidenze – con l’obiettivo di finale di conquistare la fiducia dell’altro. Dopo un po’ di tempo e quando la conoscenza sarà più intima, ecco che scatta il piano: la richiesta di un prestito in danaro per un’evenienza qualunque, spesso urgentissima, salvo poi sparire nel nulla nel momento in cui si riceve il bonifico. Per evitare di cadere in tranelli del genere, è sempre bene non fare mai bonifici o ricariche di carte prepagate a sconosciuti, per quanto ci possano sembrare “brave persone”.

    Siti con merce contraffatta

    In rete è possibile trovare prodotti a prezzi scontatissimi, ma siamo sicuri che si tratti sempre di articoli originali e non contraffatti? Il mercato del tarocco va forte anche online, quindi è bene evitare di compiere acquisti compulsivi, ma informarsi un po’ in rete circa l’affidabilità di quel preciso portale con offerte eccezionali. In ogni caso, per lo shopping online è sempre opportuno utilizzare una carta prepagata con su giusto il necessario per perfezionare l’acquisto e non di più.

    Annunci privati

    I portali che raccolgono annunci di privati che vendono merce sono tanti, basti pensare a colossi come eBay o Subito, ma anche Facebook, che negli anni sta divenendo sempre più simile ad un marketplace. Comprare qualcosa senza poterla visionare dal vivo e per di più da uno sconosciuto non è sempre opportuno, perché le tutele sono pari a zero. Preferite gli scambi a mano e non versate mai soldi se prima non avete la certezza che il venditore sia affidabile: in questo caso, il feedback rilasciato dagli utenti è fondamentale per capire se siamo davanti ad un venditore serio oppure no. Ad ogni modo, è sempre bene pagare, quando possibile, con PayPal.

    Phishing

    A tutti arrivano periodicamente mail dalla banca e simili, ma c’è da dire che molte non sono state inviate dal vostro istituto di credito e sono dei meri tentativi di phishing. Letteralmente, tale parola vuol dire “prendere all’amo” e qui è davvero molto facili essere vittima di una truffa online, poiché la sola presenza del nome della propria banca ci rassicura e ci fa commettere delle imprudenze. Solitamente in queste mail ci viene richiesto di fornire informazioni sensibili come dati personali e password, così i truffatori possono accedere al conto in banca e svuotarlo. E’ bene non fornire mai informazioni del genere via mail o via telefono, così come cliccare sui link presenti in queste mail. Se si ha qualche dubbio, è bene telefonare direttamente alla propria banca e chiedere delucidazioni.

    Eredità e offerte eccezionali

    Vi è arrivata nella casella della posta una mail che vi avverte di aver ereditato una fortuna? E’ una truffa. Oppure vi è appena stato proposto un lavoro con uno stipendio da capogiro o un’offerta eccezionale? Tranquilli, anche qui si tratta di una truffa. Se la mail vi sembra scritta in un italiano stentato, se non conoscete il mittente e se all’interno vi sono link da cliccare o richieste di danaro, allora è molto probabile che sia una truffa online. Aprire mail inviate da sconosciuti senza una preventiva scansione operata dall’antivirus e cliccare sui link in esse contenuti, vi espone ad altro rischio non solo di truffa online, ma anche a potenziali virus come il Ramsonware, che blocca il pc e richiede un riscatto per ripristinarne le funzioni. In tutti questi casi, conviene cestinare immediatamente la mail e/o contattare la polizia postale.