NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Rimborso 730: come richiederlo e quando arriva

Rimborso 730: come richiederlo e quando arriva

Come ottenere il rimborso in busta paga del modello 730 dall'Agenzia delle Entrate? la domanda è lecita e riguarda milioni di italiani. Ecco dunque tutto quel che serve sapere per ottenere il rimborso del 730 per tutti i lavoratori dipendenti e i disoccupati.

da in Fisco e Tasse, How to soldi e carriera, Rimborsi, Soldi e Carriera
Ultimo aggiornamento:
    Rimborso 730: come richiederlo e quando arriva

    Il rimborso 730: ecco come richiederlo e quando arriva, informazioni importanti per i milioni di italiani ai quali in questi giorni viene chiesto di compilarlo. Il modello 730 infatti è il modulo fiscale dell’annuale dichiarazione dei redditi, valido per tutte le seguenti tipologie di reddito: redditi del lavoro dipendente, di terreni o fabbricati, redditi di capitale e del lavoro autonomo senza partita IVA. Cerchiamo dunque di capire esattamente come funziona il modello 730.

    Intanto esistono tre differenti modi per ricevere il tanto agognato rimborso a seconda della tipologia di impiego: quello in busta paga, quello senza busta paga e infine quello per i disoccupati. Scopriamoli insieme

    Da alcuni anni è possibile ricevere il rimborso in busta paga del 730 direttamente dal datore di lavoro (o ente pensionistico) interessato: basta presentare l’istanza di rimborso in qualsiasi sede regionale dell’Agenzia delle Entrate, presentando i motivi per i quali si ha il diritto di richiedere un rimborso, ovviamente con i relativi documenti e certificazioni.

    Il rimborso 730 senza busta paga invece avviene nel caso il contribuente non abbia un sostituto di imposta, perché ha perso il lavoro o perché il datore di lavoro non svolge quella funzione. In questo caso si deve presentare la dichiarazione dei redditi, e sarà quindi l’Agenzia delle Entrate a effettuare il pagamento entro la fine dell’anno e direttamente sul conto corrente dell’interessato.

    Infine il rimborso 730 per disoccupati è una realtà purtroppo molto attuale: anche chi non possiede un lavoro deve presentare il modello 730 ordinario o precompilato, e riceverà quindi se dovuto il legittimo rimborso 730 senza sostituto direttamente dall’Erario.

    Il rimborso 730 su conto corrente quando arriva? Una domanda ormai molto diffusa in rete anche dopo le scadenze fiscali di marzo 2017, ma dalla risposta in realtà abbastanza semplice: solitamente il rimborso 730 avviene dopo circa 4 mesi dalla presentazione della domanda, lasciando il tempo all’Agenzia delle Entrate di effettuare i necessari accertamenti a riguardo. Quindi sempre l’Erario si prende 2 mesi di tempo per effettuare il pagamento, allungando a un massimo di 6 mesi l’eventuale attesa per il contribuente. Nel caso invece non vengano svolte verifiche della cartella la procedura standard prevede che l’accredito avvenga nell’assegno di luglio, e di agosto per i pensionati. In caso contrario conviene piuttosto dirigersi al più vicino Caf per chiedere ragione del ritardo.

    512

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Fisco e TasseHow to soldi e carrieraRimborsiSoldi e Carriera
    PIÙ POPOLARI