MyPostePay: cos’è, come funziona e quanto costa

Tra i mezzi di pagamento emessi da Poste Italiane c'è anche MyPostePay, l'evoluzione di PostePay, personalizzabile con una foto o un'immagine. Scopriamo meglio come funziona e quali sono i suoi limiti o meno: plafond, costi di attivazione e circuito differenziano le due card.

da , il

    MyPostePay: cos’è, come funziona e quanto costa

    Sono numerosi i mezzi di pagamento forniti da Poste Italiane, tra cui MyPostePay. Se siete curiosi di sapere cos’è, come funziona e quanto costa possiamo iniziare col dirvi che è una sorta di versione più moderna della classica PostePay, infatti oltre a un plafond massimo a disposizione del possessore, questa carta è personalizzabile anche nell’aspetto. Inoltre, è bene sapere che dal 4 luglio 2017, MyPostePay non è più richiedibile, come Postepay NewGift.

    Cos’è MyPostePay

    MyPostePay è la versione personalizzabile di PostePay. E’ infatti possibile farsi stampare sopra una foto o un’immagine preferita, che deve rispettare dei requisiti consultabili sul sito della carta. Anche questa è una carta ricaricabile. Fa parte del circuito Mastercard ed è una carta al portatore. Grazie a MyPostePay è possibile fare acquisti online, nei negozi abilitati ed è possibile il pagamento dei bollettini.

    Come funziona MyPostePay

    MyPostePay, fin dal suo ingresso sul mercato, ha incuriosito i giovanissimi per la possibilità di venire personalizzata con una foto o con un’immagine. Questo dà anche la possibilità di fare un regalo a qualcuno. Per attivarla è sufficiente collegarsi al sito ufficiale di Poste Italiane, iscrivendosi allo stesso per poter accedere a un modulo da compilare. Qui si devono inserire i dati anagrafici e, come detto, si può caricare la foto desiderata o scegliere tra una di quelle pre impostate sul sito. Dopo il pagamento per l’attivazione, la card è pronta per essere utilizzata per gli acquisti.

    Quanto costa MyPostepay

    Per attivare MyPostePay è necessario pagare 10 euro più il costo dell’importo che si vuole avere a disposizione. Per il resto, come per Postepay, costi di ricarica e di prelievo sono identici.

    Quali sono le differenze tra MyPostepay e Postepay

    Le differenze tra MyPostePay e PostePay in parte le abbiamo già elencate. La più importante è il circuito: MyPostePay fa infatti parte del circuito di carte di credito Mastercard, PostePay di Visa Electron. Entrambi i circuiti internazionali sono presenti in quasi tutte le parti del mondo. La prima è una carta al portatore, la seconda è nominativa. MyPostePay è personalizzabile con foto e immagine. E’ diverso anche il plafond: con Postepay è di 3000 euro, con MyPostePay siamo invece a un massimo di 999 euro.

    Cambiano i costi per l’attivazione: 5 euro per PostePay, 10 per MyPostePay. Anche se il plafond di quest’ultima è di molto inferiore a quello di PostePay, è possibile chiedere l’evoluzione della carta alle Poste. In questi modo, si può trasformare la card da al portatore a nominativa. Si aumentano plafond e limiti di spesa.