NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Mutuo variabile con cap: offerta di CheBanca!

Mutuo variabile con cap: offerta di CheBanca!
da in Soldi e Carriera
    Mutuo variabile con cap: offerta di CheBanca!

    Il mutuo a tasso variabile con cap è una formula sempre più adottata dalle banche, per venire incontro alle richieste degli utenti, che possono così tutelarsi dalle fluttuazioni dei tassi di interesse. Il cap è infatti un tetto massimo oltre cui l’interesse non sale, il che consente al richiedente di avere sempre sotto controllo la rata mensile da rimborsare.

    Delle caratteristiche generali del mutuo variabile con cap abbiamo già parlato, in un precedente articolo che prendeva in considerazione tutte le caratteristiche di questa tipologia, che ha indubbiamente molti pro, ma anche qualche contro (le banche non fanno mai nulla per nulla).

    In questo pezzo ci concentreremo invece sull’offerta di CheBanca!, una delle banche online che stanno riscuotendo maggior successo negli ultimi tempi. Vediamo le caratteristiche del Mutuo variabile con cap di CheBanca!

    Innanzitutto il mutuo in questione è dedicato alle seguenti finalità: acquisto della prima casa o della seconda casa, sostituzione del mutuo e liquidità. I vantaggi più evidenti sono che non sono previste spese di apertura e gestione pratica e che il cliente può estinguere anticipatamente in tutto o in parte il mutuo con un preavviso di almeno 30 giorni, senza dover pagare alcuna penale, compenso od onere aggiuntivo.

    Le uniche spese di gestione sono quelle di istruttoria (300 euro) e di perizia (200 euro), ed il mutuo è indicato per chi vuole sfruttare l’andamento dei tassi di interesse di mercato ma vuole tutelarsi da un aumento eccessivo della rata, senza spese né penali e senza l’obbligo di aprire un nuovo conto corrente.

    Bisogna comunque leggere attentamente i fogli informativi, perché prima dell’apertura la banca potrebbe chiedere ulteriori garanzie reali e/o personali oltre all’immobile.

    Inoltre, se pure non ci sono limitazioni all’età del richiedente, c’è una clausola precisaa, ovvero che al momento della scadenza il richiedente non deve aver compiuto 80 anni.

    Infine, uno sguardo sulla durata e i tassi: come detto si tratta di un mutuo a tasso variabile, la cui durata può variare da un minimo di 10 anni ad un massimo di 30. Il tasso resta variabile per tutta la durata del mutuo ed al momento è tarato sull’Euribor a tre mesi, con spread compreso tra 1,50% e 1,70%. Per ulteriori informazioni, vi rimandiamo al sito ufficiale.

    406

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Soldi e Carriera
    PIÙ POPOLARI