La classifica delle migliori università del mondo

La classifica delle migliori università al mondo vede svettare gli Stati Uniti nei primi quattro posti del ranking stilato dall'Academic Ranking of World Universities a seguire poi, il Regno Unito. Presente anche l'Italia con altrettante università, volete sapere quali? Scopriamolo insieme.

da , il

    Università di Bologna

    La classifica delle migliori università del mondo 2017 vede dominare ancora una volta gli Stati Uniti, seguiti dal Regno Unito. La crescita maggiore è però degli atenei asiatici. Insieme a quelli russi, indiani e australiani. Nella 14esima edizione della ‘Qs World University Rankings’, stilata dall’Academic Ranking of world universities, che seleziona le 200 università migliori al mondo per il 2018, ci sono per la prima volta anche quattro università italiane. Sono stati analizzati 4.388 atenei, solo 956 sono finiti nella valutazione finale, che si è basata su diversi criteri: quantità di investimenti fatti per l’insegnamento, pareri dei professori e dei datori di lavoro, numero di citazioni e degli studenti stranieri. Andiamo dunque a scoprire la classifica delle università mondiali 2017, la classifica migliori università italiane. Partiamo dunque dalle migliori università al mondo.

    1. Massachussets Institute of Technology – M.I.T. (Boston, Stati Uniti)

    Mit

    La migliore università al mondo è la Massachussets Institute of Technology, conosciuta anche come M.I.T., a Cambridge, nel Massachusetts. Fu aperta nel 1861 dal geologo William Barton Rogers, primo rettore dell’ateneo.

    In un primo tempo dedicato solo all’industria, si è poi sviluppato in cinque scuole e 32 dipartimenti, con corsi di laurea e di specializzazione post-laurea. La Scuola di scienze comprende corsi di laurea in Ingegneria, Biologia, Chimica, Matematica, Fisica, Scienze della terra, Meteorologia e Astronomia.

    Il punteggio totale del Mit assegnato dall’Academic Ranking of world universities è 100, la reputazione accademica è 100, le citazioni per facoltà 99,9 e datore di lavoro reputazione 100.

    2. Stanford University (Stanford, Stati Uniti)

    Stanford University

    Al secondo posto nella classifica mondiale delle migliori università troviamo la Stanford University, ancora negli Stati Uniti. L’ateneo si chiama in realtà Leland Stanford Junior University. La sede è in California, nella contea di Santa Clara. Ha il vantaggio di estendersi all’intero della Silicon Valley. Studiosi di Stanford o ex alunni hanno creato Google, Hewlett-Packard, Electronic Arts, Sun Microsystems, Yahoo!, Cisco Systems.

    Le attività iniziarono nel 1891, dopo sei anni di progettazione. I benefattori Jane e Leland Stanford decisero di aprire l’Università per istruire i ragazzi della California in memoria del figlio, morto di tifo a Firenze. Qui trova posto l’acceleratore di particelle Slac.

    Punteggio totale assegnato nel ranking delle migliore università al mondo è di 98,7, reputazione accademica 100, citazioni per facoltà 99,4, datore di lavoro reputazione 100.

    3. Harvard University (Stati Uniti)

    Harvard

    Antichissima a prestigiosa università degli Stati Uniti è Harvard. Ha ospitato quali studenti Mark Zuckerberg (fondatore di Facebook) e Bill Gatest (fondatore di Microsoft), oltre a otto presidenti degli Stati Uniti e numerosissimi premi Nobel tra laureati e docenti.

    Il punteggio totale assegnato dall’Academic Ranking of world universities è 98,4, reputazione accademica 100, citazioni per facoltà 99,9, datore di lavoro reputazione 100.

    4. California Institute of Technology (Pasadena, Stati Uniti)

    California Institute of Technology

    La California si piazza al quarto posto con l’Institute of Technology di Pasadena. Fondata nel 1891 da un imprenditore, Amos Throop, è uno degli atenei più ricercati nel campo della ricerca. Appartiene alla Association of American Universities, che riunisce i più prestigiosi atenei nordamericani. Scienze naturali e Ingegneria sono le due facoltà top. Collabora con il vicino Jet Propulsion Laboratory della Nasa.

    Punteggio totale nel ranking delle migliori università al mondo è 97,7, reputazione accademica 99,5, citazioni per facoltà 100, datore di lavoro reputazione 85,4.

    5. University of Cambridge (Cambridge, Regno Unito)

    Cambridge University

    Al quinto posto troviamo la prima università non americana, quella britannica di Cambridge.

    Dopo quella Oxford, è la seconda più vecchia del Regno Unito e la quarta in Europa. Ospita 20 mila studenti e più di 5 mila tra ricercatori e professori. Una leggenda dice che fu fondata da alcuni studenti nel 1209, dopo essere fuggiti da Oxford per una lite con i locali. Tra Oxford e Cambridge c’è una forte rivalità che va dal campo scolastico a quello sportivo (celebre la regata annuale).

    Cambridge offre diversi corsi di laurea: dalle arti alla scienza. Cambridge detiene inoltre il record di vincitori di Premi Nobel, ben 89. E’ membro del gruppo Russell e del gruppo di Coimbra che includono i centri di studio più all’avanguardia nel campo della ricerca.

    Punteggio totale assegnato dall’Academic Ranking of world universities è 95,6, reputazione accademica 100, citazioni per facoltà 78,3, datore di lavoro reputazione 100.

    A seguire, dal sesto al decimo posto, ci sono:

    • 6. University of Oxford (Oxford, Regno Unito)
    • 7. University College London (Londra, Regno Unito)
    • 8. Imperial College London (Londra, Regno Unito)
    • 9. University of Chicago (Chicago, Stati Uniti)
    • 10. ETH Zurich – Swiss Federal Institute of Technology (Zurigo, Svizzera)

    Le università italiane presenti nella classifica mondiale

    Politecnico di Milano

    Scopriamo le migliori università

    1. Politecnico di Milano

    Il Politecnico di Milano è la prima Università italiana nella classifica della Qs World University Rankings. Si trova al 170esimo posto. Ateneo all’avanguardia per Ingegneria, Architettura e Disegno industriale. Conta circa 40 mila studenti, suddivisi in sette campus. E’ organizzata in 12 dipartimenti, dedicati alla ricerca, e in quattro scuole, dedicate invece all’istruzione. Molti programmi vengono svolti esclusivamente in lingua inglese. Qui hanno studiato Renzo Piano e Aldo Rossi (Prizker Price) e Giulio Natta (premio Nobel per la Chimica nel 1963).

    Punteggio totale 50,9, reputazione accademica 63,9, citazioni per facoltà 53,1, datore di lavoro reputazione 93,4. Considerando solo la classifica università mondiali Ingegneria stilata da QS Quacquarelli Symonds, Milano è sicuramente tra le migliori in Europa e mantiene la posizione numero 14.

    2. Alma Mater Studiorum, Università di Bologna

    Università Bologna

    Al posto numero 188 della classifica troviamo l’Università di Bologna. Origini antichissime, che risalgono al 1088. Cinque campus (Bologna, Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini) più una sede a Buenos Aires, offre insegnamenti diversificati e su misura per la società di oggi: 209 corsi di laurea (59 internazionali e 33 in inglese), 84 mila studenti. Cinquemila laureati sono iscritti ai dottorati di ricerca e a programmi di 3° ciclo. Bologna ha stretto numerosi collegamenti con l’industria e le organizzazioni pubbliche e private. Punteggio totale 49,1, reputazione accademica 81,5, citazioni per facoltà 36,9, datore di lavoro reputazione 62,9.

    3. Scuola Normale di Pisa

    Normale di Pisa

    La Scuola Normale di Pisa è la terza università italiana, al 192esimo posto generale. E’ un istituto pubblico per l’istruzione superiore, con caratteristiche uniche: selezioni degli studenti esclusivamente in base al merito, lezioni con seminari, ricerca e insegnamento sono profondamente intrecciata, la vita si svolge come in un college. Vengono incoraggiati gli scambi internazionali. A Pisa, studenti, ricercatori e docenti vivono negli stessi spazi, con attività didattiche e di laboratorio, eventi culturali e iniziative sperimentali. Sono a disposizione due corsi: laurea e dottorato. Punteggio totale 48,5, citazioni per facoltà 98,3.

    4. Scuola superiore Sant’Anna di Pisa di studi universitari e di perfezionamento

    Sant'Anna di Pisa

    Sempre al 192esimo posto troviamo la Scuola superiore Sant’Anna di Pisa. E’ sia un ateneo a sé stante, con master e dottorato, che un’università che collabora con la Normale di Pisa. E’ rinomato centro di ricerca nelle Scienze sperimentali (Agraria, Ingegneria, Scienze mediche) e nelle Scienze sociali (Economia e Managemtn, Giurisprudenza, Scienze Politiche). Il 30 per cento degli studenti di dottorato non è italiano. Punteggio totale 48,5, citazioni per facoltà 96.

    Abbiamo citato la classifica di QS. Aggiungiamo che il Politecnico di Milano è tra le migliori 50 università al mondo in sei delle 46 discipline prese in considerazione (è settima in Arte & Design). L’università di Bologna compare nella top 100 di 21 discipline, la Sapienza di Roma rientra nelle prime 100 posizioni in 13 discipline. Ben Sowter, capo del Dipartimenti di ricerca di Qs, dice: “I risultati indicano che il sistema universitario italiano resta forte in un’ampia varietà di discipline. Appaiono nella Top-50 in 15 discipline, raggiungendo ottimi risultati in materie molto differenti come Finanza e Archeologia, Fisica e Arti dello Spettacolo”.