Indennità di disoccupazione 2017: requisiti, calcolo, importo e durata

Guida completa al sussidio di disoccupazione Naspi: come fare la domanda di disoccupazione, quali sono i requisiti, quanto dura, quanto spetta e come si calcola, ecco tutte le informazioni per il 2017.

da , il

    Indennità di disoccupazione 2017: requisiti, calcolo, importo e durata

    Indennità di disoccupazione 2017: una breve e chiara guida per i lettori che indichi requisiti, calcolo, importo e durata appare necessaria. Ma cominciamo dall’inizio, dalle definizioni: in generale quando un lavoratore subordinato perde in modo involontario il proprio impiego, egli può per legge contare sul sostegno al reddito dell’indennità di disoccupazione Naspi (acronimo per Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego). Scopriamo insieme dunque a chi è destinato, quanto dura e come si richiede il sussidio di disoccupazione.

    Quali sono i requisiti per l’indennità di disoccupazione

    Abbiamo già visto i peggiori lavori in Italia, e sappiamo bene quanto oggi il mondo del lavoro sia arretrato nel nostro Paese. In realtà comunque i requisiti per richiederla sono pochi e chiari, e soprattutto stabiliti in base a criteri oggettivi:

    • stato di disoccupazione intendendo la perdita del lavoro per cause indipendenti dalla volontà del lavoratore;
    • 13 settimane di contribuzione nei 4 anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione;
    • 30 giorni di effettivo lavoro nei 12 mesi precedenti l’inizio della disoccupazione.

    Come fare domanda di disoccupazione

    A meno che quindi non abbiate trovato all’ultimo uno dei lavori più pagati del mondo, per fare domanda di disoccupazione occorre presentare l’istanza, a pena di decadenza, all’Inps attraverso modalità telematica, ed entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. Tuttavia a seconda di quando viene presentata la domanda l’importo decorre da un termine differente:

    • dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno;
    • dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda, nel caso in cui questa sia presentata dopo l’ottavo giorno;
    • nel caso in cui vi sia un periodo di malattia, maternità o infortunio decorre dall’ottavo giorno successivo al termine dell’evento se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno; dal giorno successivo alla presentazione della domanda se presentata successivamente all’ottavo giorno, rispettando comunque i termini di legge.

    Come avviene il calcolo dell’assegno di disoccupazione

    Per calcolare il corretto importo dell’indennità Naspi 2017 è necessario prima di tutto munirsi di estratto conto previdenziale e calcolatrice: a questo punto occorre sommare tutte le retribuzioni imponibili ai fini previdenziali ricevute negli ultimi 4 anni, quindi dividere il risultato per il numero di settimane di contribuzione, infine il quoziente ottenuto deve essere moltiplicato per il coefficiente 4,33. Se dal risultato di tale calcolo la retribuzione mensile è pari o inferiore a 1.195 euro, l’importo è pari al 75% della suddetta retribuzione mentre se è oltre a tale soglia, viene aggiunto al 75% un importo pari al 25% del differenziale tra la retribuzione mensile e il predetto importo. In ogni caso, l’importo massimo dell’indennità non può superare i 1.300 euro al mese.

    Per quanto tempo si può ottenere l’indennità di disoccupazione

    La durata della Naspi varia in base alla storia contributiva di ogni soggetto: è corrisposta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni, fino ad un massimo di 2 anni.