Speciale Natale

Fare la spesa con pochi soldi e alla svelta

Fare la spesa con pochi soldi e alla svelta
da in Come risparmiare, Consigli soldi e carriera, Soldi e Carriera
Ultimo aggiornamento:
    Fare la spesa con pochi soldi e alla svelta

    Spesso ci lamentiamo del costo della spesa pensando solo al prezzo dei prodotti che acquistiamo di solito, ma attraverso una serie di accorgimenti e alcuni cambiamenti nelle nostre abitudini possiamo non solo risparmiare ma anche fare una spesa più intelligente, che significa non solo meno costosa, ma anche di maggiore qualità.

    Ecco i nostri consigli.

    1) Il tempo è denaro e viceversa: questo è un consiglio generale da riferirsi a tutte le tipologie di cibo che acquistiamo. Tutti i supermercati e i negozi di quartiere offrono sia le materie prime non elaborate che piatti pronti o semicotti. Questi ultimi costano sensibilmente di più anche 5 o sei volte tanto. Chiediamoci se possiamo dedicare un po’ più di tempo ai fornelli e acquistare più materie prime che semi elaborati. Più avanti vediamo diversi esempi.

    2) No ai cibi precotti: i cibi precotti costano sempre parecchio di più; al costo della materia prima si somma la preparazione, la confezione maggiormente onerosa, talvolta la surgelazione e il marketing che sta dietro questi prodotti spesso di marca. Per preparare un piatto di pasta basta mezz’ora con ricette tradizionali e buone come la carbonara, pomodoro fresco e basilico o burro e salvia. Se non sapete cucinare, internet è pieno di video che fanno vedere passo passo le ricette più semplici.

    3) No agli alimenti già porzionati: gli alimenti già porzionati costano sempre di più: a volte anche il 100% o 200% di più. Quindi evitate cose del tipo: pancetta a cubetti (prendete il pezzo intero al banco e poi tagliatelo voi), il burro in mini porzioni, il prosciutto e gli altri salumi già tagliati in vaschetta (al banco costano la metà), idem per i formaggi e via di seguito per tanti alimenti. I prodotti saranno più freschi e spesso anche di qualità superiore a un prezzo inferiore.

    4) Offerte dei prodotti a lunga scadenza: pasta, riso, caffè, tè, tonno in scatola, pelati e tanti altri sono dei prodotti a lunghissima conservazione, durano anni. Comprateli solo quando sono in offerta, nei supermercati più grandi c’è quasi sempre una marca in offerta tra tutte quelle disponibili. Oltretutto così farete una piccola scorta per avere sempre qualcosa da mangiare in casa.

    5) Carne e pesce in grandi confezioni: anche questi prodotti si trovano in offerta ma soprattutto si trovano in confezioni singole (da evitare) e in confezioni grandi (da preferire) spesso scontate. Se non mangiate tutto subito (perché per esempio siete single), basta un po’ di cellophane o di alluminio per conservare fino a 6 mesi carne e pesce in congelatore.

    6) Frutta e verdura quanto basta: frutta e verdura non posso essere congelate, se non in rari casi una volta cucinate. Parliamo della tipologia di alimenti che più spesso buttiamo perché va a male prima di consumarla. Qui il consiglio è l’opposto: acquistare quanto basta, mai oltre quello che certamente consumiamo altrimenti poi buttiamo e anziché risparmiare acquistando grosse quantità, in realtà sprechiamo i soldi.

    7) Fare la carta fedeltà: tutte le catene di supermercati offrono delle carte fedeltà con cui avere degli sconti e di tanto in tanto dei premi. L’utilità per il supermercato è conoscere le abitudini del consumatore e tenerlo appunto fedele col sistema dei punti.

    L’utilità per voi è di accedere alle offerte

    8 ) Fare la spesa subito dopo mangiato: potrà sembrare stupido, ma se andate a fare la spesa da sazi, l’istinto di accaparramento del cibo sarà molto basso ed eviterete di autosuggestionarvi a comprare degli alimenti superflui o solo per golosità. Oltrettutto andando a fare la spesa tra le 13 e le 14 o dopo le 20 troverete meno gente e risparmierete tempo (che come abbiamo visto, è denaro)

    9) Usare i lettori di codice a barre personali: molti supermercati ormai sono dotati di lettori di codici a barre portatili per cui siete voi a leggere la spesa e non la cassiera. Oltre a un piccolo risparmio di tempo, su casse riservate e più veloci, un’informazione preziosa che il lettore offre è il totale progressivo di quanto state spendendo. Un ottimo deterrente a non superare certe soglie di spesa ed evitare sorprese alla cassa.

    10) Confrontare il prezzo al kg o al litro: confezioni apparentemente simili possono contenere quantità molto diverse. Il confronto tra i prezzi deve essere fatto sempre sul prezzo al kg o al litro, che per legge deve sempre essere esposto nell’etichetta sullo scaffale.

    11) Fare una lista dettagliata: la famosa lista della spesa ci aiuta a comprare solo quello che è necessario, è importante indicare non solo il prodotto, ma anche la quantità che ci serve, salvo poi abbondare se troviamo delle offerte, ma solo per i prodotti a lunga conservazione. Per avere una lista sempre aggiornata può essere utile installare un’applicazione da lista della spesa sul proprio cellulare. Per esempio Upvise è disponibile per quasi tutti gli smartphone e la lista è gestibile anche via web, così l’avrete sempre con voi, con la comodità di aggiungere prodotti da comprare in qualunque momento e di non dover avere sempre dietro il bigliettino.

    Se avete voi dei consigli da condividere con tutti… esprimetevi nei commenti di questo articolo.
    E buona spesa a tutti!

    Foto di mark ain’t onion

    892

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Come risparmiareConsigli soldi e carrieraSoldi e Carriera

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI