Come diventare questore

Dalla formazione agli step necessari, dallo stipendio medio fino alle definizioni da manuale, per diventare questore occorrono diverse specifiche tutt'altro che scontate: ecco dunque spiegato passo passo come diventare questore nel 2017 in Italia.

da , il

    Come diventare questore

    Si tratta di un lavoro prestigioso, redditizio e di pubblica utilità: ecco dunque come diventare questore oggi in Italia. Diventare impiegato nelle forze dell’ordine è una missione per molti e un lavoro sicuro e redditizio per altri, ma in realtà si tratta di un ruolo che comprende entrambe le cose, specialmente quello di questore, che gode come vedremo di un grande potere. Non è tuttavia facile raggiungere questa nobile carica, che anzi richiede grandi sacrifici per essere raggiunta. Scopriamo insieme come funziona!

    Cosa vuol dire diventare questore di polizia

    Il questore è in pratica un dirigente della Polizia di Stato e un componente del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. È responsabile e coordinatore delle forze di Polizia impiegate in servizi atti a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica e servizi di prevenzione e difesa da atti eversivi. Il questore stabilisce le modalità tecnico-operative, utili al raggiungimento degli obiettivi stabiliti dal Prefetto e dal comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Inoltre a lui competono attività in materia di autorizzazioni di polizia, detenzione di armi, espatrio ed immigrazione; egli è quindi il titolare di tutto il complesso di uffici di Questura.

    Gli step per diventare questore

    Abbiamo già visto come entrare il polizia in generale, ma quello di questore si tratta di un ruolo importante che richiede diversi specifici step di avvicinamento, che per comodità del lettore elencheremo di seguito:

    • bisogna iniziare dal concorso per commissari, come gli altri periodicamente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, che comprende tra i requisiti i pieni diritti politici e la cittadinanza italiana, un’età massima di 32 anni e una laurea in giurisprudenza, scienze politiche, economia o lauree equiparate.
    • il concorso consiste in una prova scritta, una orale e una di idoneità psicofisica valutata attraverso un test psicofisico prima delle prove scritte. L’esame scritto verte su materie giuridiche, medicina legale, una lingua straniera e l’uso del computer.
    • una volta passato il concorso si viene nominati Commissario di Polizia, e si inizierà a frequentare un corso biennale presso la Scuola Superiore di Polizia dove conseguire il Master di II livello in “Scienze della Sicurezza”. Il passaggio dal primo al secondo anno avviene con il superamento degli esami e l’ottenimento dell’idoneità.
    • dopo i due anni saremo nominati Commissario Capo, a cui seguirà la nomina di Vice Questore Aggiunto. Il successivo gradino di questa scala dirigenziale è appunto quello di Dirigente. Alla qualifica di primo dirigente si accede con un concorso interno, per titoli ed esami, secondo le modalità prescritte dal Ministero degli Interni. Dopo tre anni di servizio invece si potrà finalmente diventare Dirigente Superiore, ovvero Questore.

    Lo stipendio medio di un questore di polizia

    Il trattamento economico cui hanno diritto gli appartenenti alla Polizia di Stato è tra i migliori in circolazione, e in generale si tratta di un comparto che può contare su fondi ingenti (si vedano per esempio le 10 auto della polizia più costose di sempre); nello specifico in ogni caso lo stipendio medio di un questore si aggira intorno ai 3000/3500 euro mensili netti, un compenso relativamente alto per un ruolo di grande responsabilità e prestigio.