Come capire se il capo ti odia, 4 segnali

Come capire se il capo ti odia? Non è facile stare in ufficio se gli piaciamo poco o se non ci stima. Per capirlo basta tenere d'occhio quattro piccoli segnali.

da , il

    5come capire se il tuo capo ti odia

    Come capire se il capo ti odia? Non sempre possiamo lavorare con persone che stimiamo e che ci apprezzano. In genere bisogna accontentarsi. Ma c’è una bella differenza tra il dividere l’ufficio con un collega o, peggio, con un capo che è indifferente o a cui piaciamo poco, oppure con uno che non ci stima affatto o addirittura prova odio nei nostri confronti. Per fugare ogni dubbio, basta tenere d’occhio quattro semplici segnali. Se individui alcuni di questi comportamenti come ricorrenti solo nei tuoi confronti, allora è il momento di correre ai ripari.

    1. Vieni trattato in modo diverso dagli altri

    il capo ti tratta in maniera diversa

    Per capire se il capo ti odia, il primo segnale da cogliere è nel modo in cui si rapporta ai tuoi colleghi, anche i più insopportabilihttp://www.qnm.it/soldi-carriera/colleghi-di-lavoro-falsi-cattivi-bastardi-invidiosi-e-insopportabili-che-fare-post-146003.html. Accoglie le loro proposte, ma boccia costantemente le tue? Con tutti gli altri parla delle loro famiglie o dei loro hobby, mentre con te discute solo di questioni strettamente legate al lavoro? Scherza amichevolmente con tutti gli impiegati tranne che con te? Se la risposta a queste domande è “sì”, è evidente che il vostro rapporto non è dei migliori e ci sono buone probabilità che ce l’abbia con te.

    2. Il suo linguaggio del corpo comunica negatività

    ti parla in modo negativo

    Il secondo segnale che deve farti stare è all’erta è l’atteggiamento del capo in tua presenza. Il linguaggio del corpo, infatti, è difficilmente controllabile e potrebbe svelare involontariamente se il tuo capo ti odia. Alcuni dettagli da tenere sotto controllo sono: non cerca il contatto visivo ed evita il tuo sguardo, non sorride mai in tua presenza, tiene una postura chiusa (con le braccia incrociate, per esempio) quando parla con te o non alza nemmeno gli occhi dal PC quando entri nel suo ufficio.

    3. Si sottrae alla comunicazione

    si sottrae ai colloqui

    La routine quotidiana può essere molto stressante e talvolta non c’è modo di parlare approfonditamente delle questioni di lavoro. Ci sono alcune frasi da non dire mai al tuo superiore, ma in linea di massima finché c’è comunicazione, è possibile risolvere problemi e controversie. Tuttavia, se il capo ti odia farà in modo di non avere mai a che fare con te. Per esempio: privilegerà la comunicazione online, con mail che vanno dritte al punto e senza convenevoli, eviterà di salutarti quando arriva o quando va via, risponderà laconicamente ad ogni tuo tentativo di intavolare una conversazione e ti eviterà ogni volta che potrà, per esempio facendo le scale se ti vede aspettare l’ascensore.

    4. Mostra insofferenza

    mostra insofferenza

    Anche se il capo ti odia, in teoria, non dovrebbe lasciarsi influenzare dalle sue emozioni nella gestione della tua attività professionale. Purtroppo, spesso non va in questo modo, e il suo astio verso di te può trovare manifestazioni piuttosto eclatanti. Per esempio, comincerà a escluderti dalle decisioni relative al tuo ambito professionale, tenderà a sottolineare ogni tuo errore, anche in pubblico, oppure – al contrario – non spenderà nemmeno una parola sul tuo operato, comincerà ad assegnarti incarichi non qualificati o riassegnerà i tuoi compiti con frequenza.