NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Carta d’identità: rilascio e rinnovo

Carta d’identità: rilascio e rinnovo
    Carta d’identità: rilascio e rinnovo

    Potrebbe sembrare una sciocchezza, eppure ancora oggi molte persone si trovano in difficoltà quando si tratta di chiedere il rilascio di una nuova carta d’identità o il rinnovo della vecchia. Questo è sicuramente dovuto anche all’affollarsi di nuove norme che cambiano le regole ogni pochi anni, e al tempo stesso introducono innovazioni controverse come la carta d’identità elettronica.

    La carta d’identità è il documento principale di riconoscimento in Italia, e può essere utilizzata dalla persona a cui è intestata, oltre che come documento di riconoscimento personale, anche per l’espatrio, qualora sia stata autorizzata attraverso la dicitura apposita (e qui già nascono i primi problemi).

    Ad affiancare la vecchia carta d’identità cui siamo abituati da sempre, dal 2000 in via sperimentale è stata introdotta la carta d’identità elettronica, strumento di identificazione personale nonché di autenticazione per l’accesso ai servizi web erogati dalle Pubbliche Amministrazioni.

    L’arrivo di questo nuovo tipo di carta ha moltiplicato i problemi, ma andiamo con ordine. La carta d’identità è rilasciata dal comune di residenza o di dimora (previa acquisizione del nulla-osta dal comune di residenza), ed è quindi rilasciata anche a persone straniere, purché residenti o dimoranti in un comune italiano (a differenza del passaporto).

    Dal 26 giugno 2008 il periodo di validità della carta d’identità passa da 5 a 10 anni, e questo ha creato non poca confusione, soprattutto per quanti hanno utilizzato la carta per andare all’estero. Il problema è stato segnalato sia per le vecchie carte, con timbro di rinnovo, sia soprattutto per le nuove carte elettroniche. Queste, infatti, recano sempre la vecchia scadenza stampata, ma al rinnovo devono essere accompagnate da un documento cartaceo (certificato di proroga) che sancisce il prolungamento.

    Una confusione che molti Paesi stranieri non riconoscono come valida, tanto da spingere il Ministero dell’Interno a inviare una nota in merito nell’agosto 2009: “comunica che le Autorità egiziane hanno formalmente notificato di non riconoscere il documento cartaceo di proroga della validità della carta d’identità elettronica. Anche in altri Paesi, quali la Turchia, la Tunisia, la Croazia, la Romania, la Bosnia Erzegovina e la Svizzera si sono verificate analoghe situazioni di disagio. Si suggerisce ai cittadini che intendessero recarsi in viaggio nei Paesi sopraindicati di munirsi di altro idoneo documento di viaggio”.

    Ad oggi la situazione sembrerebbe migliorata, eppure ancora si segnalano problemi in merito, per cui proprio per evitare i timbri di proroga, si consiglia di rifare la carta d’identità, sia cartacea che elettronica, qualora la si debba utilizzare per muoversi all’estero.

    Quindi, ecco le indicazioni per il rilascio o la sostituzione di una carta d’identità smarrita o distrutta (ricordiamo che occorre presentarsi personalmente). Bisogna essere muniti di: tre foto tessera uguali e recenti; carta d’identità scaduta o altro documento d’identità valido oppure, in mancanza, con due testimoni che identifichino il richiedente (prassi quest’ultima spesso applicata anche se non supportata da adeguata normativa. L’ufficiale di anagrafe deve comunque essere certo dell’identità della persona a cui rilascia il documento, sotto la sua responsabilità); copia dell’eventuale denuncia di smarrimento sia nel caso in cui la precedente carta d’identità fosse ancora valida, sia nel caso in cui fosse già scaduta.

    528

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Consigli soldi e carrieraSoldi e Carriera
    PIÙ POPOLARI