4 cose da fare al posto di inviare un curriculum per trovare lavoro

Dopo le scandalose parole del Ministro del Lavoro Poletti sull'affinità tra calcio e lavoro, ecco cosa fare per trovare lavoro senza bisogno di inviare il curriculum vitae

da , il

    Esistono indubbiamente diverse cose da fare per trovare lavoro al posto di inviare un curriculum, nessuno lo mette in dubbio, e tutti possiamo anche in simpatia esporre le nostre idee a riguardo. Ma se ci si chiama Giuliano Poletti e si è il Ministro del Lavoro di un Paese tra i fondatori dell’Unione Europea, forse certe frasi non dovrebbero uscire: “Il rapporto di lavoro è prima di tutto un rapporto di fiducia. È per questo che lo si trova di più giocando a calcetto che mandando in giro il curriculum”. La dichiarazione ha impiegato poco tempo a fare il giro d’Italia, suscitando reazioni immediate sui social e nello stesso mondo della politica. Già Lega e 5Stelle hanno chiesto le dimissioni di Poletti, il quale se da un lato ci ha già abituato a uscite poco fortunate, d’altro canto dovrebbe rendersi conto di rivestire un ruolo fondamentale in un momento difficile, e magari evitare certe freddure in un Paese dove i senza lavoro sono oltre 3 milioni, con un tasso di disoccupazione giovanile pari al 40%, un dato tra i peggiori d’Europa. Vogliamo dunque anche noi accordarci simpaticamente alla filosofia polettiana, proponendo ai lettori altri 4 modi in cui trovare lavoro, oltre ovviamente al calcetto:

    1. presenza fisica

    Sempre più oggi si tende a inviare informazioni, cv e portfoli attraverso internet, tralasciando tuttavia in questo modo la comunicazione “fisica”. Molte volte una presentazione asettica come quella del CV può fornire idee errate, motivo per cui è sempre meglio farsi vedere di persona.

    2. eventi di settore

    Se non vi piace il calcetto un ottimo consiglio è indubbiamente questo: frequentare eventi, conferenze e mostre del settore prediletto. Vivere quindi l’ambiente lavorativo a 360 gradi, in modo da potersi rendere conto se effettivamente possa essere stimolante professionalmente. Magari presentandosi o distribuendo curriculum nel frattempo.

    3. social network

    In un mondo del lavoro sempre più veloce esistono oggi molte piattaforme create appositamente per aiutare gli utenti a trovare un impiego: i più famosi sono Linkedin, Jobster, Xing, Twylah, ma ne esistono moltissimi specializzati in diversi singoli settori, ottime risorse per trovare lavoro attraverso canali meno ortodossi.

    4. solido percorso

    si intende in questo caso percorso lavorativo, infatti è come noto molto importante per ogni azienda trovare candidati che possano fornire anche solo col curriculum un profilo non solo capace, ma mirato. Se per esempio il candidato avesse cambiato 10 settori in 5 anni, passando dalla cucina all’architettura, sarebbe un grande punto di domanda.

    Questi sono solo alcuni pratici e semplici consigli, ma ovviamente se lo ritenete necessario potete seguire i più profondi e tecnici consigli del nostro Ministro del Lavoro, preparare scarpini, calze e un curriculum perfetto e andare al più vicino campo da calcio.