Speciale Natale

10 modi per risparmiare sulla bolletta elettrica

10 modi per risparmiare sulla bolletta elettrica
da in Come risparmiare, Soldi e Carriera
Ultimo aggiornamento:
    10 modi per risparmiare sulla bolletta elettrica

    Risparmiare sulla bolletta elettrica è diventato il karma di tantissimi italiani che, ormai, attendono le bollette energetiche in preda al terrore, sperando non si tramutino in un salasso. Imparare a ridurre il consumo energetico è un imperativo non solo per l’impatto ambientale (l’uso domestico pesa per il 25% sul consumo di energia elettrica), ma anche per le conseguenze sul conto in banca. Visto che, molto spesso, sprechiamo senza neanche rendercene conto, vediamo quali sono i 10 modi per risparmiare sulla bolletta elettrica partendo dai piccoli gesti quotidiani.

    SFUTTARE LA LUCE NATURALE: la natura ci ha fornito di una fonte di energia meravigliosa che si chiama sole, ma noi non la sfruttiamo in pieno. Ecco perché, per risparmiare sulla bolletta, la prima cosa da fare e aprire tutte le tende, alzare le tapparelle, spegnere le lampadine e lasciare che la luce naturale illumini e riscaldi l’interno della nostra casa.

    LAMPADINE A BASSO CONSUMO: ormai sono presenti sul mercato da anni, eppure molti si ostinano a utilizzare le vecchie lampadine a incandescenza, solo perché costano leggermente di meno. Quello che non calcolano è che una lampadina a basso consumo dura dieci volte di più e consuma fino a un quinto in meno di una normale.

    SPEGNERE TV E COMPUTER: tutti abbiamo l’abitudine di lasciare la televisione e (soprattutto) il computer in casa, anche quando non lo stiamo utilizzando. La modalità stand-by sarà anche più comoda ma è di sicuro più dispendiosa. Nel caso del Pc, allora, meglio spegnerlo se dobbiamo allontanarci; nel caso dei televisori di ultima generazione, togliere la presa dalla corrente perché, di fatto, restano sempre accesi anche quando sono spenti.

    ELETTRODOMESTICI MODERNI: acquistare elettrodomestici nuovi e sostituire quelli che ci portiamo dietro dall’alba dei tempi non è solo una questione di praticità ed estetica. Oggi ogni elettrodomestico deve sottostare a rigidi controlli sui consumi energetici, dalla lavastoviglie al frigorifero passando per la lavatrice. Scegliere sempre la classe energetica A per ridurre i consumi in bolletta.

    EVITARE IL CALDO-FREDDO: una regola che, spesso, viene disattesa quando si ordinano gli elettrodomestici in casa è quella della distanza tra quelli che producono calore e quelli che producono basse temperature.

    Il saggio vuole che il frigorifero non sia mai posto vicino al forno, che la lavastoviglie sia distanziata dal resto e che tutto ciò che produce temperature alte sia ad almeno dieci centimetri dalla parete (anche per evitare rischio di incendi).

    MEGLIO IL MICROONDE: non tutti vedono di buon occhio l’utilizzo del forno a microonde perché sarebbe dannoso per la salute e non manterrebbe inalterate le caratteristiche degli alimenti. Detto che tutto ciò non è dimostrato a livello scientifico e medico, utilizzare il microonde al posto del forno tradizionale porta di sicuro un risparmio in bolletta, perché necessita di meno energia per cucinare e riscaldare.

    ATTENZIONE ALLA LAVASTOVIGLIE: se proprio non ce la fate a lavare i piatti e le pentole come hanno fatto per secoli i nostri antenati (ovvero con l’energia delle braccia, evitando così di spendere soldi per la palestra), almeno utilizzate la lavastoviglie con criterio. Questo significa evitare cicli di lavaggio a basse temperature, pulire le stoviglie togliendo i residui più grossi prima di metterle nel cestello, pulire i filtri regolarmente e non esagerare con i detersivi.

    NON COPRIRE LA LUCE: dietro questo enigmatico consiglio si nasconde un mondo di errori, spesso compiuti nel nome del design e dell’estetica. Per evitare inutili sprechi di corrente elettrica, posizionate in modo strategico lampade e lampadari, scegliendo possibilmente quelli che non hanno una plafoniera che copra la luce. Inoltre prediligete i colori chiari quando tinteggiate le pareti, perché la casa diventerà automaticamente più luminosa e meno bisognosa di luce artificiale.

    REGOLARE IL TERMOSTATO: detto che la cosa migliore sarebbe regolare la temperatura facendo entrare l’aria esterna e isolando dal freddo attraverso appositi infissi, se pensate che il condizionatore sia irrinunciabile almeno usatelo con criterio. La differenza tra temperatura interna ed esterna non dovrebbe mai essere superiore ai 5-6 gradi, anche per una questione di salute. D’estate non portate la temperatura sotto i 26 gradi, per non trasformare la casa in un pericoloso congelatore.

    INTELLIGENZA PRIMA DI TUTTO: per chiudere ci vuole un consiglio generale, che riguarda il comportamento in casa nel suo complesso. Per risparmiare davvero c’è bisogno di mettere in funzione il cervello, non dimenticando che sono i piccoli gesti a farvi risparmiare. Qualche esempio: spegnete le luci quando uscite da una stanza, non scegliete elettrodomestici troppo grandi se non vi servono, non utilizzate la lavatrice per una mutanda e due calzini, non impostate male la temperatura del frigorifero, togliete la spina quando non utilizzate un elettrodomestico, tenete sempre puliti i filtri del condizionatore.

    809

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Come risparmiareSoldi e Carriera

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI