Testosterone: cos’è e come funziona

Comunemente associato al concetto di virilità, il testosterone è un ormone steroideo prodotto principalmente dagli uomini e minima parte anche dalle donne. Ma cos'è veramente il testoterone e come funziona? Scopriamo di più su questo ormone androgeno e sui suoi effetti sull'uomo.

da , il

    Testosterone: cos’è e come funziona

    Si sente comunemente parlare di testosterone, spesso associato al concetto di virilità nell’uomo. Ma cos’è veramente e come funziona? Molti non sanno che, pur essendo un ormone steroideo prodotto principalmente negli individui di sesso maschile, il testosterone viene in parte prodotto anche dalle donne. Ormone androgino per eccellenza, esso assolve a innumerevoli funzioni e è responsabile di numerosi effetti negli uomini: dallo sviluppo e dalla funzionalità degli organi riproduttivi maschili, fino allo sviluppo di caratteri sessuali secondari, con conseguenze talvota benefiche, altre volte negative. Proprio per questo motivo, è utile tenere sotto controllo i valori di questo ormone maschile. Scopriamo allora come funziona il testosterone e quali sono le sue principali funzioni.

    Come funziona il testosterone

    Il testosterone è il principale ormone steroideo appartenente al gruppo degli androgeni, ossia quegli ormoni sessuali tipicamente maschili. Esso viene prodotto principalmente nelle cellule di Leydig dei testicoli e, in misura minore, dalla corteccia surrenale. Molti non sanno che in minima parte il testosterone viene prodotto anche nelle donne. Proprio perchè la produzione di testosterone maschile è 10 volte superiore a quello femminile e per i suoi innumerevoli effetti, viene considerato l’ormone maschile per eccellenza. Sintetizzato con ritmo circadiano, raggiunge il picco ematico nelle prime ore del mattino e poi cala gradualmente nel resto della giornata. Tuttavia, solo una minima parte di tutto il testosterone prodotto dall’organismo circola nel sangue allo stadio libero (c.d. testosterone libero).

    A cosa serve il testosterone

    Una volta compreso cos’è e come funziona, è bene capire a cosa serve e quali sono gli effetti del testosterone nell’uomo. Questo ormone è prezioso e indispensabile allo sviluppo dei caratteri sessuali primari e secondari maschili. Basti pensare che, sin dalla vita prenatale, esso influenza lo sviluppo dei genitali esterni e, in età successive, sul loro sviluppo e funzionamento. Tra le principali funzioni del testosterone maschile vi è appunto quella di contribuire alla formazione e mantenimento degli organi riproduttivi maschili (es. sviluppo del pene e produzione di sperma). A questo si aggiunge la capacità del testosterone di determinare l’acquisizione di caratteri sessuali secondari quali: la crescita di peli, baffi e barba; l’abbassamento del tono di voce; l’aumento della massa muscolare. Non mancano anche effetti del testosterone sul cervello e sulla psiche, quali aumento del desiderio sessuale e comportamenti tendenzialmente più aggressivi. Infine, tra gli effetti positivi per l’uomo, è bene ricordare anche un aumento della capacità metaboliche.

    Testosterone alto nell’uomo

    Proprio per i suoi innumerevoli effetti (anatomici, fisiologici, psicologici e comportamentali), è bene tenere sotto controllo i valori del testosterone nell’uomo. In alcuni casi ci si può trovare davanti ad un eccesso di questo ormone nell’organismo chiedendosi come fare per abbassare il testosterone. In realtà, quando si è in presenza di un livello di testosterone alto nell’uomo non è detto che vi siano conseguenze negative. Al contrario, se è i livelli elevati di testosterone non sono indotti da un farmaco ma sono tali per motivi naturali e fisiologici, i sintomi per l’uomo sono a dir poco positivi: aumento della libido, aumento della massa muscolare, maggior sicurezza in se stessi sono solo alcuni di essi. Pertanto, può essere utile mentenere alti i livelli di testosterone naturale, anche semplicemente attraverso un’alimentazione mirata.

    Testosterone maschile basso

     

    Livelli alti di testosterone, almeno quando si tratta di una condizione fisiologica e naturale, generano sintomi positivi nell’uomo. Ma cosa accade quando si è in presenza di un livello di testosterone maschile basso? Quando si verifica questa condizione, si riscontrano effetti negativi sulla sfera sessuale quali calo del desiderio, disfunzione erettile, riduzione delle erezioni spontanee e infertilità. A questi si aggiungono anche altri distrubi: riduzione della massa muscolare, disturbi del sonno, anemia, depressione, riduzione dell’autostima, senso di stanchezza e affaticamento. In tali casi è bene cercare di aumentare il testosterone. Se non si vuole ricorrere a farmaci o steroidi, è comunque possibile innalzare il livelli di testosterone in modo naturale. Come fare? Si può iniziare, ad esempio, riducendo lo stress, aiutandosi a riposare meglio con un sonno regolare, seguendo una dieta ricca di magnesio e di vitamine, seguendo una giusta alimentazione e, laddove necessario, assumento integratori naturali per ripristinare i livelli di testosterone. (Leggi anche “Testosterone basso: sintomi e rimedi da seguire per mantenerlo alto“).