Quanto dura l’effetto di una canna?

Vi siete mai chiesti quanto dura l'effetto di una canna? Che si tratti di un semplice tiro o di un consumo abituale di cannabis, gli effetti di una canna dovuti al THC possono riscontrarsi nel sangue, nelle urine, nella saliva e persino nei capelli. Scoprite come e per quanto tempo sono riscontrabili.

da , il

    Quanto dura l’effetto di una canna?

    Volete sapere quanto dura l’effetto di una canna? Proviamo a spiegarvelo noi. I principali effetti collaterali legati al consumo di cannabis dipendono da uno dei suoi principi attivi, il THC, (delta-9-tetraidrocannabinolo), una sostanza psicotropa con diverse proprietà euforizzanti e antidolorifiche. Ma cosa succede quando si fuma marijuana? Il THC agisce sul cervello direttamente su alcuni recettori, influenzando l’attività delle cellule cerebrali. La sostanza viene rapidamente trasferita nel sangue e messa in circolo nell’organismo con effetti diversi, la cui durata dipende anche da svariati fattori che differiscono da individuo a individuo. Ma allora, per quanto tempo gli effetti di una canna sono riscontrabili nel sangue o nelle urine? Quali sono le conseguenze per la nostra salute? Scopriamolo insieme.

    Gli effetti di una canna il giorno dopo

    Benché sia considerata una droga leggera e sia legale in molti Paesi, la mariujana o cannabis ha effetti collaterali non da poco. Il consumo di marijuana, specialmente tra i giovani, è in costante aumento ma spesso chi ne fa uso non ha una reale percezione delle conseguenze e della durata degli effetti collaterali: stati di euforia, stati allucinogeni, difficoltà di concentrazione e di coordinazione nei movimenti, ma anche effetti sul piacere, sulla memoria e sulla percezione del tempo.

    Quando inizia l’effetto di una canna e quanto dura? Gli effetti iniziano appena il THC raggiunge il cervello e durano da 1 a 3 ore circa. Tuttavia, la velocità di azione e la durata possono dipendere anche da fattori individuali come, ad esempio la quantità di grasso adiposo o dall’assunzione ravvicinata di cibi e bevande. In quest’ultimo caso gli effetti si manifestano più lentamente e la durata complessiva e maggiore (fino a 4 ore).

    Dunque se vi state chiedendo quali sono gli effetti di una canna il giorno dopo, possiamo dire che questi non saranno visibili, almeno “ad occhio nudo”, ma saranno comunque riscontrabili nell’organismo attraverso la saliva, le urine o il sangue. Il test della saliva, ad esempio, permette di rilevare la presenza di THC da un massimo di 16-14 ore ad un mino di 6 ore dall’assunzione.

    Il discorso, ovviamente, può cambiare se si è in presenza di un consumo abituale o di un abuso di marijuana, o se questo era associato all’assunzione di alcolici o di altre sostanze stupefacenti.

    Gli effetti di una canna dopo una settimana

    Se vi è capitato almeno una volta di fare un tiro di canna di tanto in tanto, vi sarete certamente chiesti come si fa riprendersi dopo aver fumato e per quanto tempo gli effetti della cannabis possono essere rilevati attraverso esami specifici.

    Premesso che la velocità di azione e la durata dipendono dalle quantità assunte e dalla frequenza nell’utilizzo, come detto prima le conseguenze più immediate e visibili svaniscono nell’arco di 1-4 ore. E gli effetti di una canna dopo una settimana? Gli effetti della cannabis dopo una settimana possono essere riscontrati nelle urine attraverso un apposito test e sono riscontrabili anche fino a 30 giorni. Al contrario, gli effetti di una canna nel sangue attraverso le analisi possono essere riscontrati fino a 2 settimane.

    Qual è l’effetto di una canna dopo un mese

    Secondo quanto appena detto e sempre in base alle quantità assunte e dell’abitualità nel consumo di marijuana, gli effetti di una canna nelle urine possono essere rilevati anche dopo 30 giorni.

    Ma allora qual è l’effetto di una canna dopo un mese? Ebbene, a chi si stesse chiedendo per quanto tempo si può risalire al consumo di cannabis attraverso esami specifici, rispondiamo che l’analisi del capello consente di rilevare gli effetti del fumo di una canna anche fino a 90 giorni (dunque circa 3 mesi).

    Esami di questo genere si rendono spesso necessari per alcune professioni che richiedono periodici controlli per verificare che il lavoratore non faccia abituale uso di droghe o alcolici o in altre circostanze particolari (es. se si è verificato un incidente sul lavoro che potrebbe essere ricollegato al consumo di stupefacenti).