Quali sono le alternative al Viagra?

Quali sono le alternative al Viagra?
da in Consigli Salute e Fitness, Workout
Ultimo aggiornamento:
    Quali sono le alternative al Viagra?

    Quali sono le alternative al Viagra? La classica pillola blu in poco tempo ha raggiunto un’ampia diffusione ed è stata impiegata da molti per la cura della disfunzione erettile. Il Viagra promette prestazioni sessuali soddisfacenti e anche nel nostro Paese in tanti hanno fatto ricorso a questo farmaco. Esistono, però, tante possibilità di scelta. Al posto del Viagra ci sono delle sostanze naturali che possono essere utilizzate sempre per lo stesso scopo oppure c’è un altro farmaco: il Cialis.

    Il Cialis

    Il Cialis è una pillola gialla che contiene todalafil, un principio attivo che serve a curare le disfunzioni erettili di natura fisiologica. Precisamente il medicinale agisce come inibitore di un enzima, facendo aumentare l’afflusso sanguigno nell’organo genitale maschile, quando si presenta uno stimolo di natura sessuale.

    Come la maggior parte delle medicine, il Cialis presenta delle controindicazioni: non deve essere usato contemporaneamente ai nitrati, che vengono assunti per trattare l’angina pectoris. Il suo uso è sconsigliato ai soggetti con problemi cardiaci o con disturbi da ipotensione o ipertensione. Dovrebbero evitare il Cialis anche i soggetti che hanno patologie al fegato e ai reni. Questo farmaco si può acquistare in farmacia dietro presentazione di ricetta medica. La principale differenza rispetto al Viagra è nella durata dell’efficacia, che varia dalle 24 alle 36 ore.

    Le alternative naturali

    Esistono diverse alternative naturali al Viagra. Si tratta principalmente di piante che sarebbero capaci di intervenire nella sfera della sessualità, oltre che per i problemi di disfunzione erettile, anche per quelli dell’eiaculazione precoce e del calo del desiderio. La loro efficacia deve essere ancora studiata in maniera più precisa dalla ricerca scientifica. Fra questi principi naturali c’è la pianta di maca, che sarebbe capace di aumentare la produzione di ormoni nel nostro organismo, aumentando il desiderio sessuale e le prestazioni.

    Possiamo ricordare anche la mucuna, una pianta tipica delle zone dell’Africa e dell’Asia. Di solito viene utilizzata per il trattamento del morbo di Parkinson e da qualche tempo si è scoperto che avrebbe anche delle proprietà afrodisiache, influendo soprattutto nei casi di carenza di appetito sessuale. Sarebbe utile anche il tribulus terrestris, altra pianta molto utilizzata nell’antichità. Alcuni studi scientifici hanno messo in evidenza che l’assunzione della tribulus terrestris potrebbe favorire l’afflusso di sangue nei corpi cavernosi, come quelli che sono presenti all’interno del pene, e perciò favorirebbe l’erezione.

    Per i problemi di erezione la medicina naturale consiglia anche la muira puama, che potrebbe funzionare soprattutto in presenza di calo del desiderio. Anche questa, di conseguenza, costituisce un’alternativa alla pillola blu classica o generica.

    510

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Consigli Salute e FitnessWorkout Ultimo aggiornamento: Mercoledì 29/10/2014 10:15
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI