Pillola blu classica, generica e naturale: effetti e spiegazioni di tutte le tipologie

da , il

    Pillola blu classica, generica e naturale: effetti e spiegazioni di tutte le tipologie

    Viagra classico, generico e naturale. Forse non tutti sanno che esistono varie tipologie della famosa pillola blu, che ha promesso di rivoluzionare la sessualità e quindi le relazioni. Quello classico ha degli effetti benefici sulla risoluzione della disfunzione erettile. Ricordiamoci che ci sono anche delle versioni non “di marca” del farmaco, che rientrano fra i medicinali generici. Da questo punto di vista il mercato è molto vario, perché offre anche prodotti naturali che, in teoria, avrebbero gli stessi effetti della nota pillola. Tuttavia è sempre bene esaminare la situazione, per non incorrere in spiacevoli effetti collaterali.

    Classico

    Il viagra classico deriva da varie ricerche che sono state effettuate sulle proprietà benefiche dell’ossido nitrico. E’ stato Louis Ignarro, Premio Nobel per la Medicina nel 1998, a iniziare questi studi. I veri inventori del farmaco, comunque, vengono considerati Peter Dunn e Albert Wood.

    Il viagra agisce coinvolgendo le terminazioni nervose periferiche. Il cervello infatti attiva l’erezione inviando un messaggio proprio attraverso questi nervi, che rilasciano molecole di ossido di azoto in corrispondenza dei vari sanguigni dei genitali.

    Il farmaco inizia ad avere degli effetti dopo 30 minuti dall’assunzione e il tutto prosegue nelle quattro ore successive. Se in questo arco di tempo si verifica una stimolazione sessuale, avviene un’erezione naturale soddisfacente.

    La pillola blu presenta dei benefici anche per chi soffre di eiaculazione precoce. Anche se non permette di aumentare in maniera significativa la durata del rapporto, ci sono degli effetti positivi sulla soddisfazione e sulla percezione del controllo dell’eiaculazione stessa.

    Generico

    Il viagra generico è il farmaco che rientra nella produzione di quelle case farmaceutiche, che si sono attivate per mettere a punto un prodotto non “di marca”. Bisogna ricordare a questo proposito che il brevetto internazionale del viagra “ufficiale” si avrà nel mese di giugno. Già in molti si stanno mettendo in movimento per riuscire ad assicurarsi l’ufficialità del prodotto.

    Nel frattempo esiste già la produzione di un viagra generico, che consente anche di risparmiare. In ogni caso bisogna stare molto attenti, perché il settore è molto difficile da regolare e quindi, ricorrendo a questo tipo di prodotti, c’è anche il rischio che la cura non funzioni o che si abbiano delle ripercussioni sulla salute.

    Ci sono farmaci simili al viagra, come, per esempio, il Cialis, un medicinale che rientra fra gli inibitori delle fosfodiesterasi. L’efficacia del Cialis dovrebbe corrispondere a 36 ore. Attenzione comunque agli effetti collaterali, come la diarrea, i disturbi allo stomaco ed eventuali reazioni allergiche.

    Naturale

    Per quanto riguarda il viagra naturale, si può dire che ancora si stanno compiendo i primi passi. Diversi esperti si sono cimentati in uno studio di questo tipo e c’è anche chi ha pensato di poter sfruttare le proprietà di alcuni gas, come quelli rintracciabili presso le solfatare di Pozzuoli.

    I ricercatori dell’Università Federico II di Napoli si sono cimentati nella ricerca, soprattutto per capire più a fondo quali sono gli effetti di vasodilatazione provocati dall’idrogeno solforato. Ancora però c’è molto da fare in questo campo.

    Non si devono dimenticare dei veri e propri rimedi naturali che la tradizione indica per contrastare l’impotenza. Fra le erbe officinali note sono in maniera particolare la Maca, che avrebbe un effetto energizzante, stimolando le gonadi e le ghiandole surrenali, e la Maira puama, che possiede un alcaloide in grado di mettere in atto un’azione vasodilatatrice.