Ju Jitsu: tecniche e specialità

da , il

    Il Ju Jitsu è un’arte marziale giapponese il cui nome deriva da ju (“flessibile”, “cedevole”, “morbido”) e jutsu (“arte”, “tecnica”, “pratica”). Si tratta di un’arte di difesa personale dove contano alla stessa maniera equilibrio del corpo e forza.

    Nel Ju Jitsu la forza proviene dall’avversario: questo significa che più il “nemico” cerca di colpire forte, maggiore sarà la forza che gli si ritorcerà contro. Quali sono le mosse per fare tutto questo? Scopriamolo.

    - Le tecniche:

    Il Ju Jitsu è una sintesi tra Karate, Judo, Aikido e Kendo: le tecniche di queste arti marziali vengono analizzate e reinterpretate per prevenire qualsiasi attacco nemico.

    Il combattimento si verifica per la maggior parte del tempo al suolo: oltre ai bloccaggi classici tipici anche del judo, quali la monta a cavallo (“qui chiamata “montada”) o la presa a croce, sono la “monta a cavallo da dietro”, più conosciuta come “back mount”, eccezionale per strangolare, e la guardia “a farfalla”, con i piedi tra le gambe dell’avversario inginocchiato di fronte, ottima per realizzare ribaltamenti e portare l’opponente in posizione svantaggiosa.

    Altre tipiche posizioni importanti sono la guardia con il controllo delle braccia con le gambe (Spider Guard), mezza guardia, guardia Del La Riva, Rubber Guard.

    - KNEE BAR

    - BODY LOCK – THE SCORPION CRUNCH

    - CLOCK CHOKE DA SOPRA

    - ANACONDA CHOKE

    - GHIGLIOTTINA CHOKE

    - CHOKE INVERTED ARM BAR

    - KNUCLE CHOKE DA SOPRA

    - ARM BAR – KIMURA

    - THE TEPEE

    - SINGLE WING CHOKE

    - OMOPLATA FROM SIDE CONTROL

    - Le specialità:

    Il Jujitsu sportivo prevede due tipi di specialità di gara: il fighting system (combattimento uno contro uno) e il duo system (simulazione di difesa a coppie).

    - Fighting System:

    Il Fighting System è un tipo di competizione agonistica del Ju Jitsu. Il combattimento che si svolge sul Tatami tra due atleti che indossano solamente il judogi, protezioni paratibia e, per facilitare tutte le fasi del combattimento, protezioni alle mani sottili ed aperte, in modo da effettuare al meglio le prese sia nella lotta in piedi che in quella a terra. Prima colpi a distanza di calcio o pugno in quella che viene definita Prima Fase.

    Inizia poi la cosiddetta Seconda Fase dove l’obiettivo di ciascun atleta diventa effettuare una proiezione dell’avversario utilizzando tecniche opportune.

    Quando i due contendenti sono a terra inizia la Terza Fase : l’obiettivo è quello di immobilizzare l’avversario al suolo o costringerlo alla resa tramite leve articolari o strangolamento.

    Il combattimento dura 3 minuti e viene interrotto solo se necessario: il ritmo durante i combattimenti è dunque altissimo.

    - Duo System:

    Il Duo System è una specialità del Ju Jitsu in cui una coppia (maschile, femminile o mista) simula una difesa da attacchi codificati in tutto il mondo.

    Le serie sono così suddivise:

    Serie A: prese

    Serie B: avvolgimenti

    Serie C: calci e pugni

    Serie D: armi (coltello e bastone).

    La giuria di 5 arbitri in base ad attitudine, efficacia, velocità, controllo, potenza, realismo e varietà assegna un punteggio da 1 a 10 che definisce il vincitore.

    Si tratta sicuramente di una disciplina spettacolare e particolarmente indicata per ha bisogno di maggiore consapevolezza dei propri mezzi. In Italia i corsi sono molti e in diverse città: perchè non provare?

    Foto da jendroszczyk