Intossicazioni alimentari: sintomi, rimedi naturali e cosa fare

da , il

    Intossicazioni alimentari: sintomi, rimedi naturali e cosa fare

    Intossicazioni alimentari: scopriamo i sintomi, i rimedi naturali utili e cosa fare se si è stati colpiti dagli effetti dei cibi contaminati. L’intossicazione alimentare, infatti, è determinata da organismi infettivi, tra cui batteri, virus e tossine. Si può incorrere in un problema di questo tipo, se si consumano, per esempio, carni poco cotte o cibi che vengono lasciati fuori dal frigo a lungo. Le tossine possono infettare gli alimenti in un momento qualsiasi della produzione e della lavorazione. Alcune persone sono più a rischio, soprattutto gli anziani, i bambini e le donne in gravidanza, anche a causa di un sistema immunitario più debole.

    Sintomi

    Differenti sono i sintomi di un’intossicazione alimentare. Generalmente si manifestano nausea, vomito, dolori addominali, diarrea e a volte ci può essere anche la comparsa di febbre. Soltanto nei casi più gravi subentrano difficoltà nel parlare e nel deglutire e sangue nelle feci. Frequenti sono anche i segni che rimandano alla disidratazione, come sete eccessiva e secchezza delle fauci. Inoltre chi ha conseguito l’intossicazione può soffrire anche di vertigini e di debolezza muscolare.

    Rimedi naturali

    Alcuni rimedi naturali si dimostrano utili per rimediare all’intossicazione alimentare, alleviandone i sintomi. Per esempio, risultano benefiche alcune tisane a base di zenzero, cicoria, carciofo, betulla, bardana e rosmarino. Si tratta di infusi che depurano l’organismo e in particolare liberano il fegato dalle tossine. Inoltre sono importanti per ripristinare le normali funzioni dell’intestino. Contro le intossicazioni alimentari si possono assumere anche delle compresse di menta piperita oppure di olio di origano, che svolge funzioni antimicrobiche.

    Cosa fare

    Per prima cosa bisogna rimediare, in caso di intossicazione alimentare, alla perdita dei liquidi, evitando la disidratazione spesso determinata dal vomito e dalla diarrea. Assicuriamoci un buon apporto di fluidi, succhiando anche cubetti di ghiaccio, bevendo acqua a sufficienza o, in alternativa, succo di mela. Evitiamo le bevande gassate e quelle che contengono caffeina. Evitiamo anche i latticini, perché potrebbero aumentare la diarrea.

    E’ importante anche scegliere attentamente i cibi da consumare durante i pasti. Di solito si preferisce una dieta basata su alcuni cibi, come banane, mele, riso e pane tostato. Si tratta di alimenti che non causano irritazione allo stomaco e possono fermare la diarrea. Evitiamo gli zuccheri e i grassi. Abituiamo il nostro stomaco al consumo di altri alimenti soltanto in maniera graduale, nel corso di qualche giorno. Per i primi giorni evitiamo cibi piccanti o con un elevato livello di acidità. Il segreto consiste nel seguire una dieta leggera per qualche tempo.