Speciale Natale

I cinque cibi che rendono meno intelligenti

I cinque cibi che rendono meno intelligenti
da in Alimentazione, Workout
    I cinque cibi che rendono meno intelligenti

    Ci sono dei cibi che rendono meno intelligenti. In effetti, come la ricerca scientifica ha dimostrato già da tempo, ci sono inestricabili collegamenti fra il corpo e la mente. E’ chiaro, quindi, che la nostra alimentazione svolge un ruolo molto importante nell’influire anche sulle capacità intellettive. Per questo motivo bisognerebbe essere molto attenti nello scegliere i cibi che più sono adatti al nostro benessere psicofisico. Il tutto rientra all’interno di uno stile di vita salutare, capace di fare la differenza. E se proprio qualcuno non ci crede, bisogna che si arrenda di fronte alle evidenze scientifiche, che dimostrano come alcuni alimenti possano mettere in pericolo le capacità mentali.

    Le patatine fritte

    Forse non tutti lo sanno, ma quelle deliziose patatine fritte che compriamo al fast food possono minacciare l’intelligenza. Le patatine fanno male all’organismo, in quanto rientrano fra quegli alimenti che hanno un alto indice glicemico. Ma non si tratta soltanto di danni a livello fisico. Quando l’olio viene riutilizzato per la frittura, può raggiungere anche temperature molto alte e può arrivare alla formazione dell’acrilamide, una sostanza tossica, che avrebbe delle conseguenze pure sulle capacità cognitive.

    Lo zucchero

    E’ vero che lo zucchero ci consente di disporre di un’immediata riserva di energia, che il nostro corpo può utilizzare a proprio vantaggio. Tuttavia è proprio l’effetto dello zucchero che può essere annoverato fra i falsi miti sull’alimentazione. Sughi preparati, alimenti pronti: lo zucchero viene usato ovunque. Spesso serve soltanto a mascherare la mancanza di qualità che riguarda gli ingredienti utilizzati. Non dovremmo abusare dello zucchero, perché ci può creare delle difficoltà a livello mnemonico.

    I dolcificanti artificiali

    I dolcificanti artificiali hanno il vantaggio di mettere in atto un grande effetto dolcificante, riuscendo, però, ad apportare meno calorie.

    Non bisogna, comunque, dimenticare che si tratta di sostanze chimiche non affatto salutari. Il dibattito scientifico sui dolcificanti è molto acceso, perché si ritiene che alcune di queste sostanze possano essere piuttosto tossiche e avere un ruolo di prim’ordine anche nello sviluppo del tumore al cervello.

    Gli insaccati

    Gli insaccati spesso presentano una quantità eccessiva di sale, che provoca numerosi problemi, a partire dall’aumento della pressione sanguigna. Tuttavia i salumi spesso contengono anche nitrito di sodio. Si tratta di una sostanza ritenuta pericolosa, perché può essere implicata nello sviluppo di cancro al cervello.

    Il cibo spazzatura

    Il cibo spazzatura crea dipendenza, perché sarebbe capace di agire sulla dopamina. Tutto questo ci porterebbe a preferire sempre di più cibi grassi e fritti, panini molto farciti e bibite che contengono dosi elevate di zucchero e coloranti. Tutti questi cibi non sono affatto salutari né a livello fisico né mentale.

    529

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneWorkout

    Speciale Natale

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI