Fimosi: che cos’è e che fare

Fimosi: che cos’è e che fare
da in Disturbi, Workout
Ultimo aggiornamento:
    Fimosi: che cos’è e che fare

    Fimosi: che cos’è? Che fare? Si tratta di un restringimento del prepuzio, in seguito al quale la scopertura completa del glande è difficile o impossibile. La pelle che ricopre il glande riesce a scorrere con difficoltà e il disturbo si può manifestare in erezione o anche quando il pene è flaccido. Le terapie della fimosi comprendono un trattamento medico, che è necessario nei casi in cui è accompagnata da infezioni o infiammazioni. A volte, se il disturbo è lieve, si può rimediare con la ginnastica da scorrimento. Se si tratta di una situazione più radicata, si deve ricorrere all’intervento chirurgico.

    Le terapie mediche

    Le terapie mediche per la fimosi sono riservate a quei casi in cui il disturbo si accompagna ad infezioni o infiammazioni. Si tratta soprattutto di trattamenti anti-infettivi, che vengono eseguiti grazie all’uso di pomate o di antifungini, spesso ad applicazione locale. Soltanto in casi più complessi è opportuno associare un trattamento con antibiotici orali. Il tutto può essere accompagnato da una terapia anti-infiammatoria con trattamenti locali a base di cortisonici.

    In presenza di fimosi non è possibile garantire un’igiene totale delle parti intime, per cui si può manifestare un prurito al glande, che spesso indica delle irritazioni, che devono essere soggette ad opportuna visita medica. Il prurito intimo nell’uomo può indicare la presenza di infezioni, per questo è sempre indispensabile ricorrere al consulto del medico.

    La ginnastica da scorrimento

    Nei casi meno gravi di fimosi la situazione può risolversi in poco tempo allentando il prepuzio stretto mediante il ricorso alla ginnastica da scorrimento.

    Si mettono le estremità dei due indici sui lati interni dell’apertura del prepuzio e si comincia a tirare con delicatezza.

    Si mantiene questa posizione per circa 60 secondi e poi ci si rilassa per qualche attimo, per poi ripetere. Si continua per circa 15 minuti due volte al giorno. Se il prepuzio è molto stretto e non è possibile mettere due dita sull’apertura, si può provare a ritirare la pelle del pene, in modo da sentire una certa tensione. Anche questo esercizio va ripetuto due volte al giorno per circa 15 minuti.

    L’intervento chirurgico

    L’intervento chirurgico per la fimosi può consistere nella circoncisione o nella postectomia parziale. Nel primo caso si provvede all’asportazione completa del prepuzio. Nel secondo caso si ha un’asportazione parziale del prepuzio stesso. La circoncisione è un trattamento risolutivo, ma ha lo svantaggio di lasciare il glande completamente scoperto. Nella postectomia parziale si mantiene una parte del prepuzio, quindi una copertura parziale del glande. Lo svantaggio è che la fimosi in questo modo può anche ripresentarsi.

    504

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DisturbiWorkout Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/07/2015 16:52
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI