Dolori e stanchezza alle gambe: cause, rimedi e consigli utili

I dolori e la stanchezza alle gambe non sempre sono relativi al classico affaticamento quotidiano, ma possono essere un campanello d'allarme che ci indica la presenza di altre patologie, più complesse ed importanti. Vediamo assieme quali sono le principali cause dei dolori e della stanchezza alle gambe, i rimedi ed i consigli utili per contrastare tali disturbi.

da , il

    Dolori e stanchezza alle gambe: cause, rimedi e consigli utili

    I dolori e la stanchezza alle gambe possono essere sinonimo di uno sforzo eccessivo operato durante la giornata, come l’aver camminato a lungo o aver esagerato col workout, ma a volte possono rappresentare anche un campanello d’allarme per altre patologie. Nel nostro approfondimento vedremo le cause della stanchezza e dei dolori alle gambe, i rimedi per contrastare tali fenomeni e i consigli utili per prevenire questa stanchezza, così da evitare lo sviluppo di altre problematiche.

    Stanchezza e dolori gambe, le cause

    Le cause dei dolori e della stanchezza alle gambe possono davvero essere tanti e di difficile individuazione: per tale motivo, è bene fare attenzione a quando e per quanto tempo si manifestano tali disturbi, assieme a quali altre problematiche compaiono di volta in volta.

    Se la stanchezza agli arti inferiori compare dopo uno sforzo prolungato e va via con il riposo delle gambe, allora si tratta di un normale fenomeno. Se invece le sensazioni di dolore e stanchezza si presentano a riposo e permangono, allora è molto probabile che siano un campanello d’allarme per una qualche patologia: nei casi più gravi, possono essere addirittura afferenti ai sintomi della SLA.

    Volendo essere più precisi, quando parliamo delle cause della stanchezza e dei dolori alle gambe diverse dallo sforzo fisico, facciamo riferimento a:

    • arteriopatia periferica
    • carenza di vitamine
    • carenza di minerali come magnesio e potassio
    • trombosi venosa profonda
    • flebite
    • vene varicose
    • linfedema
    • ernia del disco
    • stenosi vertebrale
    • sciatalgia
    • sindrome delle gambe senza riposo
    • mielofibrosi
    • sclerosi laterale amiotrofica
    • sclerosi multipla
    • miastenia gravis
    • artrite
    • piede diabetico
    • beriberi
    • cisti di Baker

    Naturalmente, queste sono solo alcune delle cause dei dolori e della stanchezza alle gambe. Per una diagnosi completa, è bene riferire al proprio medico di fiducia tutti i dettagli del disturbo, così da analizzare a fondo la questione.

    I rimedi per dolori e stanchezza alle gambe

    Esistono dei rimedi per i dolori e la stanchezza alle gambe? La risposta è sì ed è un bene metterli in atto, perché tali cure sono ottime per alleviare l’affaticamento e contrastare il dolore alle gambe, specie quando tali disturbi sono sintomi di malattie più importanti e complesse.

    Fra i rimedi migliori per la stanchezza alle gambe abbiamo l’attività sportiva moderata, perfetta per rafforzare e tonificare i muscoli. L’assunzione di integratori per migliorare la circolazione e proteggere i vasi sanguigni è un’ottima soluzione, quindi sì a compresse di vite rossa, mirtillo, gingko biloba, ippocastano (perfetto anche in caso di gonfiori), centella asiatica. Si possono anche usare gel topici, ma se non siete in perfetta salute è sempre bene chiedere l’avallo del medico.

    Naturalmente, il riposo è fondamentale e in caso di gonfiore si rivelano molto utili gli impacchi con acqua fredda.

    Consigli utili per dolori e stanchezza gambe

    Oltre ai rimedi, ci sono dei consigli utili che si possono applicare per prevenire i dolori e la stanchezza alle gambe oppure per contrastare questi disturbi. Di sicuro, è importante evitare i chili in eccesso e la vita sedentaria, preferendo a tavola cibi ricchi di vitamina e minerali essenziali, come magnesio e potassio. Fondamentale anche bere tanta acqua, specie d’estate. L’allenamento fisico è sempre una buona cosa ed anche una semplice passeggiata a passo svelto, fatta tutti i giorni, può essere un toccasana.

    E’ bene cercare di non stancare troppo le gambe, né stando troppo seduti, né stando troppo in piedi. Se per lavoro siete costretti per lungo tempo in una di queste due posizioni, cercate di ritagliarvi 10 minuti ogni tanto per sgranchirvi le gambe o per sedervi. A casa, poi, riattivate la circolazione alternando getti di acqua calda e fredda sulle gambe per almeno 5 minuti. Infine, stendetevi posizionando le gambe più in alto rispetto al busto, meglio ancora se in posizione completamente verticale (magari appoggiate al muro).

    Infine, fate attenzione alla scelta delle scarpe, specie se trascorrete molto tempo in piedi. Un leggero rialzo interno, magari grazie a suolette anatomiche in gel, può rivelarsi fondamentale non solo per contrastare la stanchezza delle gambe, ma anche quella della schiena.