Dieta Lemme vegetariana, il menù da seguire per dimagrire velocemente

da , il

    Dieta Lemme vegetariana, il menù da seguire per dimagrire velocemente

    Dieta Lemme vegetariana: qual è il menù da seguire per dimagrire velocemente? Nella sua versione originale, questo regime alimentare ideato dal farmacista Alberico Lemme prevede anche delle pietanze con pesce e carne. E’ basato su un ampio consumo di carboidrati e proteine. Lo schema si compone di due parti, una di dimagrimento e una di mantenimento. Ma se si è vegetariani o vegani, come fare a seguire la dieta completa? Esiste anche una versione dedicata a chi ha rinunciato a consumare cibi di origine animale.

    I principi fondamentali

    I principi sui quali si basa la dieta Lemme prendono in considerazione soprattutto l’indice glicemico degli alimenti e l’interazione con l’insulina. Inoltre questo tipo di alimentazione considera l’impatto biochimico che i cibi hanno sull’organismo e quali possono essere gli effetti dell’interazione con il sistema ormonale. Un particolare spazio viene riservato alle associazioni alimentari e al sistema degli enzimi individuali che possono cambiare nel corso del tempo.

    Dieta vegetariana del Dr. Lemme

    La dieta del dottor Lemme si basa sul consumo dei cibi in orari ben precisi. La colazione deve essere fatta entro le 9:30, il pranzo tra le 12 e le 14 e la cena tra le 19 e le 21. Nel corso della giornata, inoltre, possono essere fatti due spuntini, uno la mattina tra le 10 e le 11 e uno al pomeriggio tra le 16 e le 17. Nella versione vegetariana si può fare incetta di proteine vegetali. Esistono, infatti, molti vegetali che hanno un alto contenuto di proteine. Ad esempio possono essere inclusi nell’alimentazione legumi e frutta secca, che possono sostituire perfettamente la carne.

    Altre verdure dall’alto contenuto proteico sono i broccoli, i carciofi, gli spinaci, gli asparagi. In particolare vanno utilizzati tutti i tipi di legumi, dai piselli alle lenticchie, dai ceci ai fagioli, uniti soprattutto ai cereali, farro, orzo, riso, frumento, miglio e grano saraceno. In questo modo l’organismo può avere garantito l’apporto nutrizionale di cui ha bisogno ogni giorno. Il quadro viene completato dal consumo di frutta secca, come pinoli, arachidi, mandorle, noci, pistacchi e nocciole.

    Esempio di menù

    Ecco un esempio di menù che possono seguire tutti coloro che decidono di portare avanti la dieta Lemme vegetariana, tutti i pasti ideali che prevedono l’esclusione di carne e pesce:

    • colazione – caffè senza zucchero e frutta;
    • spuntino – tè con succo di limone;
    • pranzo – pasta con olio e peperoncino;
    • merenda – tè con succo di limone;
    • cena – zuppa di verdure o hamburger vegetali.