Dieta Beverly Hills a base di frutta

da , il

    Dieta Beverly Hills a base di frutta

    La dieta Beverly Hills è stata ideata da Judy Mazel nel lontano 1981: nel 1997 ne è nata una nuova versione, detta la New Beverly Hills Diet. Questa dieta è basata prevalentemente sul consumo di frutta esotica e sul lavoro degli enzimi che sono dei catalizzatori.

    Secondo Mazel il il corpo umano ha bisogno di alcuni enzimi per assimilare il cibo, differenti a seconda dell’alimento ingerito: per questo vanno ingeriti alimenti che facilitano il processo di digestione. Seguendo alcune regole questa dieta promette di perdere circa 7 kg in 5 settimane: sarà vero?

    - Il metodo:

    - La dieta si basa sul quasi esclusivo consumo di frutta, possibilmente quella esotica, i cui frutti contengono enzimi digestivi. Durante i primi 7 giorni si mangia solo ed esclusivamente frutta esotica, soprattutto ananas.

    - Si tratta di una dieta dissociata in cui il consumo di frutta e proteine è fortemente distanziato: separare carboidrati, proteine e grassi è fondamentale per Mazel per favorire la digestione.

    - Una curiosità? Oltre all’acqua, l’unica bevanda ammessa è lo champagne. Si vede che arriva dalla terra delle star?

    - I cibi da evitare sono il latte e derivati, lo zucchero semplice, il sale e tutte le bibite dolcificate.

    - Ricette:

    1° giorno

    Soltanto ananas: concludete la giornata con pannocchie e insalata.

    2° giorno

    Colazione: prugne

    Spuntino di fragole

    Pranzo: verdure lesse con 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva

    Spuntino con una mela

    Cena: pesce grigliato 200 grammi

    3° giorno

    Colazione: uva, bianca e nera

    Spuntino di frutti di bosco

    Pranzo: minestrone di verdure con 1 fetta di pane, uva

    Spuntino con arance

    Cena: pollo o tacchino 200 grammi

    4° giorno

    Colazione: pere

    Spuntino con ananas

    Pranzo: papaya

    Spuntino con mandarini

    Cena: manzo 200 grammi

    5°giorno

    Colazione: kiwi

    Spuntino con fragole

    Pranzo: anguria o melone

    Spuntino con banana

    Cena: Riso al vapore con 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva o 2 patate al forno

    - Punti deboli:

    Questa dieta si basa su concetti discutibili. Numerosi i punti da chiarire:

    - Ripartizione dei macronutrienti: frutta, frutta e frutta! I nutrienti sembrano essere indirizzati in maniera eccessiva verso la frutta. Secondo alcuni, quindi, seguire questa dieta per più di un mese può portare a rischi relativi a carenze nutrizionali: da evitare quindi in particolare per donne in gravidanza, bambini o chi ha una vita sportiva intensa.

    - Teoria mai provata: i principi di questa dieta si basano sull’idea che il corpo umano non assimila gli alimenti e le sostanze nutritive in essi contenuti finchè questi non vengono digeriti. Una teoria mai provata scientificamente.

    - Esercizio fisico: non viene accennato quale e come effettuare esercizi. Inoltre, data la bassa assunzione di calorie, sarebbe comunque difficile fare sport. Sono anche assenti indicazioni per quanto riguardo il conteggio delle calorie e il dosaggio dei cibi.

    Insomma, ok mangiare frutta ma attenzione a non portare a degli squilibri nutrizionali il vostro corpo: chiedete comunque informazioni al vostro medico o a un nutrizionista prima di intraprendere un periodo prolungato di diete di questo tipo.

    Foto da gepiblu