Arti marziali militari nel mondo: le più letali [FOTO]

Arti marziali militari nel mondo: le più letali [FOTO]
da in Arti Marziali, Workout
Ultimo aggiornamento:

    Le arti da combattimento sono utilizzate in tutte le aree del mondo. Possono essere usate per mantenersi in forma o per professione: sicuramente possono essere letali. Le arti da combattimento possono sono di tre tipi:
    - le arti marziali tradizionali, usate nello sport e nei combattimenti da strada,
    - le tattiche di difesa, usate dalle forze dell’ordine per controllare, placare e catturare persone senza infliggere danni personali,
    - le arti marziali militari, che hanno un solo scopo e cioé quello di risolvere nel minor tempo possibile un fatto in corso.

    Per quanto riguarda le arti marziali militari, ogni stato adotta un sistema proprio. Vediamo i più famosi.


    - In Gran Bretagna:

    Military Close Quarter Combat (CQB) è molto diverso dalle arti marziali tradizionali. Messo a punto durante la seconda guerra mondiale, come sistema rapido di combattimento corpo a corpo, inizialmente chiamato UAC, è un mix tra il judo e la lotta libera. Le scuole oggi preparano a 5 differenti strategie:
    - Close Quarter Combatives: cioé come applicare un determinato sistema di combattimento ad una determinata situazione;
    - Confined Space Warfare: altamente di natura fisica, insegna la dinamica per utilizzare strumenti come le mani nude e la lotta col coltello o con la pistola (carabina M4), in condizioni di combattimento.
    - CQB Knife Training: altamente di natura fisica, insegna esclusivamente la dinamica per utilizzare il coltello in combattimento.
    - CQB Pistol Training: insegna l’uso della pistola.
    - CQB Rifle Training : insegna l’uso del fucile.


    - In Cina:

    Nel 1926, William Fairbairn ha sviluppato “Defendu“, che si ispira dalle arti marziali cinesi e al Judo Kodokan. Il defendu è nato per addestrare la polizia di Shanghai e fu poi insegnato a l’OSS statunitense e ai membri della Polizia di Stato durante la seconda guerra mondiale. Fairbairn è stato chiamato dagli inglesi per addestrare le truppe alleate nella II Guerra Mondiale. Il metodo Fairbairn, è un sistema efficace di combattimento ravvicinato. Ha reso possibile ad una persona di media forza e abilità, di combattere e vincere contro un avversario altamente qualificato in arti marziali. La sua esperienza senza precedenti, ha dimostrato una solida base di attacco o di difesa con armi da taglio, manganelli e bastoni ed è usato ancora oggi. Lo stesso si può dire per il sistema anti-sommossa usato dalla polizia, sempre messo a punto da Fairbairn.


    - Negli Stati Uniti:

    L’Office of Strategie Services degli Stati Uniti, deciso di modernizzare il combattimento corpo a corpo, nel 1943 ha redatto il famoso manuale “Kill or Be Killed” (uccidere o essere ucciso), ispirato al defendu, al judo e al combattimento corpo a corpo (solitamente chiamato H2H in ambito militare). “Kill or Be Killed”, scritto dal colonnello Rex Applegate, è sempre stato considerato uno dei libri più influenti sul combattimento ravvicinato mai pubblicato. Manuale di addestramento militare al combattimento disarmato, i suoi obiettivi sono stati illustrati con grande franchezza dal Colonnello Rex: ”imparare a togliere di mezzo per sempre un soldato nemico”. Oggi La punta di diamante è il R.A.T. (Rapid Assault Tactics): un “sunto” del sistema elaborato appositamente per le forze speciali statunitensi e per essere appreso in pochissimo tempo. Si ispira al topo, animale che riesce a sopravvivere anche nelle situazioni più avverse. Il RAT si basa su tre concetti fondamentali: chiusura, pressione e terminazione. L’allievo imparerà progressivamente a dominare le distanze di combattimento che si celano dietro i concetti mediante l’applicazione di poche ma straordinariamente efficaci tecniche. Il RAT è oggi insegnato a Militari, Marines, Rangers, FBI, DEA, CIA e più di 50 dipartimenti di polizia.


    - In Israele:

    Per le Forze Armate Israeliane, Imi Litchinfield ha messo a punto un nuovo sistema di arte marziale militare, che nella forma tradizionale è chiamato Krav Maga. La versione militare è popolarmente conosciuta con il nome di Hagannah.


    - In India:

    Deepak Rao e Seema Rao, hanno compiuto sforzi significativi per modernizzare le Arti da combattimento corpo a corpo. Il loro sistema chiamato ACCS (The Advanced Commando Combat System), è frutto di una studio effettuato su oltre 15.000 soldati delle forze indiane. ACCS trae ispirazione da ”Art of War” (arte della guerra) di Sun Tzu, dalle tattiche di combattimento ‘Jeet Kune Do’ di Bruce Lee e dal CQB.

    Quale di questi possa essere considerato il più pericoloso? Difficile a dirsi: di certo sono le arti, nel combattimento corpo a corpo, più letali che ci siano.

    Foto da dvidshub

    810

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Arti MarzialiWorkout
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI