Suzuki GSX-R1000 k12: l’esperienza della tecnica (foto)

Suzuki GSX-R1000 k12: l’esperienza della tecnica (foto)
da in Eicma, Moto, Motori, Suzuki moto
Ultimo aggiornamento:

    Suzuki presenta la GSX-R1000 k12, una moto concreta che nasce dall’esperienza in Moto GP e che si dimostra particolarmente affabile e performante in ogni condizione di guida. Un modello, dunque, dalla forte personalità che non si risparmia durante le situazioni più impegnative.

    Sfruttando il nuovo scarico in titanio e il sistema SET – Suzuki Exhaust Tuning, questa moto migliora la resa ai bassi e medi regimi e il motore ha più accelerazione ed una risposta al gas più rapida e armoniosa al tempo stesso.

    I tecnici del gruppo hanno prestato molta attenzione alle sospensioni ed al sistema frenante che sono stati completamente rivisti per assicurare il massimo delle prestazioni e della sicurezza. Un lavoro di fino, dunque, che permette anche di ridurre il peso complessivo della moto.

    Nuove colorazioni e nuovi elementi sulle plastiche donano nuova vitalità al design della Suzuki GSX-R1000 k12 che si presenta come un modello dall’estetica moderna e filante, pronta ad abbracciare il vento durante le proprie accelerazioni.

    Il propulsore ha una cilindrata di 999cc e dispone di pistoni forgiati attraverso una speciale tecnologia che ne migliora le prestazioni. Con la medesima tecnologia sono stati progettati anche altri elementi della moto per renderla maggiormente leggera e competitiva.

    La compressione del motore passa da 12,8:1 a 12,9:1, fornendo migliori risposte soprattutto nei medi-bassi regimi dove l’andamento diviene più regolare e omogeneo. Il sistema frenante è composto, all’anteriore, da pinze Monoblocco marchiate Brembo con dischi della Sunstare Engineering.

    Insomma, una moto decisamente all’avanguardia dove la tecnica si confonde con il design per creare un risultato complessivo di elevato spessore.

    282

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EicmaMotoMotoriSuzuki moto
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI