NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Le auto più belle degli anni ’80

Le auto più belle degli anni ’80

Una classifica delle più belle auto anni ’80 che vi farà ricordare i modelli più desiderati da giovani e meno giovani. Fra auto sportive legate a successi indimenticabili e modelli che sono diventati icone del decennio, viaggeremo a ritroso scoprendo quanto siano ancora oggi attuali.

da in Auto, Auto sportive, Motori
Ultimo aggiornamento:
    Le auto più belle degli anni ’80

    Quali sono le auto più belle degli anni ’80? Se avete mai sognato un giro su un’auto sportiva anni ’80 ricorderete bene i modelli più significativi, che hanno segnato il decennio e influenzato i periodi successivi, arrivando fino al giorno d’oggi. Se siete appassionati del mitico decennio del cubo di Rubik e della Material Girl Madonna, apprezzerete sicuramente la nostra classifica, condensata ma esaustiva, che raccoglie tutte le auto più belle degli anni ’80. Andiamo a scoprire quali sono!

    golf gti

    Forse è stato proprio questo modello sportivo degli anni ’80 la chiave della longevità di quella che è oggi la regina delle compatte, la Volkswagen Golf. Linee sobrie e squadrate, come voleva il design del tempo, e una meccanica semplice e robusta si sposavano con un motore 1.4 aspirato a 16 valvole che erogava fino a 126 cavalli, che, nella versione turbocompressa, arrivavano a 160. Nella versione G60, uscita in serie militata nell’89 e derivata dalle competizioni, si arrivava fino a 210 cavalli.

    Renault 5 Turbo

    Ecco la prima delle “tre sorelle terribili” degli anni’ 80 – le altre sono la Peugeot 205 e la Fiat Uno Turbo – con le quali i giovani del decennio scorrazzavano e gareggiavano per superare il limite. Quest’auto sportiva compatta ma cattivissima sotto la carrozzeria allargata nascondeva un motore 1.4 sovralimentato che arrivava a erogare 160 cv, raggiungendo una velocità massima di 200 km/h e un’accelerazione veramente sbalorditiva: da 0 a 100 in soli 6,5 secondi!

    Peugeot 205 GTi

    La più aggressiva del terzetto – assieme a Renault 5 Turbo e Fiat Uno Turbo – era anche la meglio rifinita esteticamente, grazie alle sue linee più armoniose. La Peugeot 205, giunta fino a noi dagli anni ’80 grazie alle sue discendenti appartenenti allo stesso segmento, era equipaggiata con un motore 1.9 aspirato da 130 cv dal sound leggendario, molto potente e altrettanto difficile da domare, non adatto ai guidatori inesperti ma irresistibile per tutti gli altri.

    Fiat Uno Turbo

    L’ultima del trio – formato da Renault 5 e Peugeot 205 – è un’italiana doc entrata a far parte della quotidianità di migliaia di famiglie del nostro Paese negli anni ’80 prima di diventare un mito fra le auto sportive aggressive e terribili del decennio. Un po’ scarsa in trazione, era equipaggiata con un motore 1.3 quattro cilindri da 130 cv, questa versione turbo raggiungeva fino a 200 km/h e balzava da 0 a 100 in soli 8 secondi, un vero record!

    lancia delta hf

    Nessuna auto, nemmeno una delle migliori del decennio successivo, potrebbe eguagliare la Lancia Delta HF integrale, che, con la sua livrea Martini Racing, ha riscritto la storia dei rally negli anni ’80. Bella, accattivante e scattante, soffriva un po’ nell’affidabilità ma quanto a prestazioni era un vero mostro: grazie alla trazione integrale permanente e alla ricercata meccanica del differenziale, con il suo motore quattro cilindri turbocompresso 2.0 da 165 cv era imbattibile su ogni terreno.

    bmw e30 m3

    Qualcuno l’ha definita come una delle migliori auto sportive stradali mai costruite e quindi nessun dubbio che questa BMW fosse una delle migliori, oltre che delle più belle, auto degli anni ’80. Abbinava linee muscolose a un design decisamente sportivo, con spoiler posteriore e minigonne, montava un motore da 2.302 cc quattro cilindri che erogava 195 cv e le faceva raggiungere la velocità massima di 235 km/h. La lunga scia del suo mito si è estesa alle sue discendenti dei giorni nostri.

    Ferrari Testarossa

    Più che un’icona fu un sogno a occhi aperti questa berlinetta della casa di Maranello, una delle auto più belle degli anni ’80 e una delle Ferrari più desiderate di sempre. Irraggiungibile per molti, salvo che per magnati e star del cinema, sfrecciava sul set della serie anni ’80 Magnum P.I. e, grazie al suo motore 4.900 cc v12 da 390 cavalli raggiungeva velocità di oltre 290 km/h e andava da 0 a 100 in 5,8 secondi.

    972

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AutoAuto sportiveMotori
    PIÙ POPOLARI