La Octavia vRS Bonneville Special supera la barriera dei 325 km/h

da , il

    La Octavia vRS Bonneville Special supera la barriera dei 325 km/h. Con questo risultato Skoda festeggia il decimo anniversario delle versioni vRS. Nel corso della Bonneville Speed Week, tradizionale appuntamento con la velocità in programma negli Stati Uniti dal 13 al 20 agosto, la Octavia è sfrecciata nel vero senso della parola.

    Questa particolare versione della Octavia è stata progettata appositamente per celebrare il 10° anniversario dei modelli vRS, e lo ha fatto con stile. Ricordiamo che i modelli vRS rappresentano i più potenti della gamma, disponibili in esclusiva per il mercato britannico.

    La Octavia vRS Bonneville Special è così entrata a far parte del leggendario club “Bonneville 200 MPH”, affermandosi come la Skoda più veloce di tutti i tempi, un risultato sicuramente importante e prestigioso. Chiaramente, prima dei test su strada, la vettura è stata sottoposta a verifiche dinamometriche approfondite, condotte appositamente da un team di ingegneri della Skoda UK in collaborazione con gli specialisti di tuning della REVO Technik, che hanno utilizzato uno specifico sistema Power Boost.

    Il superamento dei 200 mph (325 km/h) non è avvenuto alla prima prova ma ha richiesto sei tentativi ufficiali. Robert Hazelwood, Direttore della Skoda UK, ha commentato:

    “Mesi di attenta pianificazione, preparazione specifica e test si sono rivelati proficui. Alle 13.24 di lunedì 15 agosto la nostra Octavia vRS Bonneville Special ha superato la soglia dei 325 km/h. Il Team ha lavorato in maniera eccezionale e questo risultato, oltre a rappresentare l’ennesima pietra miliare nella storia sportiva del Marchio ceco, è il modo migliore per celebrare i 10 anni delle versioni vRS e i 110 anni di Motorsport della Skoda”.

    Quali sono stati gli accorgimenti tecnici adottati? Per dare vita a questa grintosa e potente versione, la Octavia RS di serie è stata modificata con numerosi accorgimenti che incidono principalmente sull’aerodinamica e sulla potenza. Basti pensare che l’altezza da terra della vettura è stata ridotta di circa 80 mm e sul frontale è stata installata una nuova griglia che alloggia un intercooler da competizione.

    Inoltre, la vettura è equipaggiata con un motore quattro cilindri 2.0 benzina di serie, ma il turbocompressore standard è stato sostituito con un’unità Garrett.